Custonaci, in arrivo un finanziamento per realizzare una rotatoria e servizi di mobilità ciclistica

Ancora un finanziamento per il Comune di Custonaci che rientra nel Programma sperimentale Nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro di cui all’art. 5 della Legge 221/2015 che vede il Comune di Erice, ente capofila insieme alla coalizione dei comuni di  Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo, Custonaci, Favignana, Paceco, San Vito Lo Capo, Trapani e Valderice, tra gli enti locali che beneficeranno di un finanziamento di quasi un milione di euro (€ 999.740,00),  da parte del Ministero dell’Ambiente, con il progetto “Una mobilità senza emissioni per l’Ericino”. 

Nel Comune di Custonaci, in particolare, saranno finanziati una rotatoria nella zona di confluenza della Via Erice con la Via Asse dei Marmi, al fine di moderare e snellire il traffico, migliorando le condizioni di sicurezza della circolazione automobilistica. L’incrocio dove si collocherà la rotatoria è attraversato da numerosi veicoli nelle ore di punta e con l’intervento si avrà una giusta deflessione dei rami di accesso allo svincolo, rendendo più scorrevole il traffico veicolare e contribuendo così ad una concezione più sostenibile.  

Oltre alla realizzazione delle opere di riqualificazione urbana, 10 biciclette a pedalata assistita saranno fornite all’Istituto Comprensivo “Lombardo Radice” di Custonaci.

Le bici saranno gestite direttamente dalla scuola, con distribuzione a beneficio del personale docente e non docente. L’intervento include la dotazione di rastrelliere, nell’ipotesi di un ricovero delle bici interno all’Istituto.  Tra le altre attività, è prevista la cessione gratuita di buoni mobilità che verranno offerti al personale docente e non docente dell’Istituto. I destinatari verranno individuati anche sulla base di una rapida rilevazione dei mezzi di trasporto utilizzati per lo spostamento casa-lavoro. A ciascun beneficiario verranno offerti 6 buoni da 30 euro ca., da utilizzare per acquisto/sconto di un abbonamento del trasporto pubblico (mensile o annuale) nell’arco di 2 anni.

«Un altro risultato che è motivo di orgoglio per l’Amministrazione di Custonaci ma anche per tutti i comuni coinvolti. Puntiamo molto alla formazione di una coscienza che sia insieme ecologica e civica – dichiara il Sindaco -, e la scuola ha un ruolo strategico in questo senso. Vogliamo, inoltre, soddisfare le esigenza di mobilità di studenti e lavoratori proponendo soluzioni alternative all’uso dell’auto, e riducendo, dunque, l’impatto sull’ambiente e i costi per la collettività. Il progetto s’inserisce all’interno di una serie di azioni che stiamo portando avanti – conclude Giuseppe Bica – con l’obiettivo di creare una nuova cultura della mobilità urbana».

Il Progetto “Una mobilità senza emissioni per l’Ericino” ha l’obiettivo di migliorare il sistema degli spostamenti casa-scuola sia per gli studenti che per il personale (docente e non docente), per ridurre gli impatti ambientali dei mezzi di trasporto utilizzati rafforzando i servizi di mobilità alternativa. Oltre alla realizzazione delle opere di riqualificazione urbana, il Progetto si articola su due principali filoni aggiuntivi di intervento:

mobilità ciclistica (bike sharing a pedalata assistita e fornitura e buoni offerti al personale docente e non docente dei 7 Istituti Secondari Superiori e di 6 Istituti Comprensivi che verranno anche dotati delle bici a pedalata assistita);

sviluppo del tpl (sperimentazione di una linea di trasporto pubblico dedicata per gli istituti scolastici secondari di Trapani e di Erice, da servire con un autobus elettrico); e su tre interventi puntuali, ma ugualmente integrati:

realizzazione di una rotatoria presso il Comune di Custonaci

dotazione auto elettriche (acquisto di due auto elettriche ad uso dei funzionari dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini per gli spostamenti di lavoro)

  progetto pedibus (attivazione di un servizio di pedibus nell’Istituto Comprensivo “G. Mazzini” di Erice con due percorsi che si vanno ad aggiungere ad un terzo percorso già esistente).