Giornata mondiale dei poveri, le iniziative della Diocesi

Domenica prossima 19 novembre si celebra per la prima volta, su indicazione di papa Francesco, la Giornata Mondiale dei poveri. Una giornata utile ad accendere i riflettori su una società sempre più povera non solo economicamente chiamata a riscoprire valori fondamentali quali la solidarietà reciproca e l’accoglienza. A Trapani la Giornata si svolgerà presso l’ex Asilo Caritas (in via Errante) alla presenza del vescovo Pietro Maria Fragnelli. Si inizierà con la rievocazione della storia della struttura e dell’impegno di volontariato al servizio dei poveri vissuto da consacrate e laici nel solco del carisma di San Vincenzo de’ Paoli poi si parlerà dei progetti futuri. Domenica prossima, infatti, sarà in città suor Anne T. Walsh, vicaria generale dell’Istituto delle “Apostole del Sacro Cuore di Gesù” che ha una lunga esperienza di accoglienza degli immigrati nel nord e nel Sud dell’America. Quattro suore, provenienti da diverse nazioni, sono giunte a Trapani lo scorso 8 settembre e si preparano per far partire un nuovo servizio nel campo dell’accoglienza. Domenica sarà presente a Trapani anche il direttore del Centro Astalli di Palermo, Alfonso Cinquemani, che collaborerà nella formazione di coloro che opereranno nel nuovo servizio insieme alle suore.
Il pomeriggio sarà dedicato a dare voce a testimonianze e racconti che avranno i “fuori gioco” del territorio trapanese come protagonisti di storie di solidarietà e di riscatto. Saranno presenti, tra gli altri, la Caritas diocesana, l’Ente ecclesiastico “Badia Grande”, l’Azione Cattolica che presenterà la campagna “Mettiamoci in gioco” contro l’azzardo. Alla Giornata mondiale hanno dato adesione tutte le realtà che si occupano del servizio ai più deboli della comunità ecclesiale: dalla fraternità “della Serve di Gesù Povero” di suor Maria Goretti, a Vincenziane, Avulss e altri ancora.