Accusati di furto di gasolio alla Siremar, assolti i due fratelli

Due fratelli trapanesi, Emanuele e Davide Augugliaro, accusati nel 2013 di avere sottratto gasolio alla compagnia Siremar, sono stati assolti dalla quarta sezione del Tribunale di Palermo, presieduta dal Giudice Maria Daniela Borsellino.

La sentenza emessa nei mesi scorsi è divenuta ormai irrevocabile visto che la Procura Generale non ha ritenuto di appellarla in Corte di Cassazione. Il coinvolgimento dei due fratelli Augugliaro, nasceva a seguito di alcune intercettazioni telefoniche legate a questa operazione coordinata dalla Procura di Trapani e che coinvolgeva anche un’altra persona Salvatore Accardi, incaricato della guardiania notturna della Motonave Simone Martini ormeggiata al porto di Trapani, arrestato nel 2012 in flagranza di reato.

La notifica del provvedimento ai due fratelli Augugliaro fu fatta 9 mesi dopo l’arresto di Accardi. Per loro era stato ipotizzato il reato di furto di carburante in concorso e associazione per delinquere. I legali dei due fratelli, gli avvocati Salvatore Alagna e Vito Galluffo chiesero il rito abbreviato. I due, il 20 maggio 2015 furono condannati dal Gup Caterina Brigone  entrambi a tre anni di reclusione, ma per il solo reato del 416 C.P. assolvendoli da quello di furto.

In Appello i due fratelli sono stati assolti perché il fatto non sussiste anche per questo altro capo di imputazione. A seguito di questa operazione Davide Augugliaro, dipendente della Siremar, perse il lavoro ed a oggi ancora non è stato riassunto malgrado la sentenza di piena assoluzione.

Condividi: