La Pallacanestro Trapani abbraccia Campagna Amica

-

Sempre più consumatori acquistano direttamente dai produttori agricoli e, oggigiorno, accorciare la filiera significa garantire maggiore sicurezza al consumatore e contribuire a mantenere vivo il tessuto economico. Per soddisfare tale richiesta, da ottobre è presente a Trapani, in via Virgilio, il mercato al coperto Campagna Amica, spazio di vendita diretta degli agricoltori.

La Pallacanestro Trapani, da sempre attente alle dinamiche socio-economiche del territorio trapanese, non poteva non abbracciare un progetto teso alla sensibilizzazione sui valori della sana alimentazione, della tutela dell’ambiente, dello sviluppo sostenibile e del territorio come luogo di identità e di appartenenza.

Venerdì mattina alle ore 10, una delegazione della Pallacanestro Trapani sarà presente al mercato coperto Campagna Aperta di via Virgilio per dare testimonianza concreta della unità d’intenti con la Coldiretti e per dimostrare il connubio perfetto tra sport, educazione alimentare e mangiar sano.

«Nello sport in generale e nella pallacanestro in particolare, il consumo di energie è talmente elevato che esiste, a beneficio della salute dei nostri giocatori, una necessità concreta di avere una sana e corretta alimentazione» – spiega il general manager della Pallacanestro Trapani Nicolò Basciano. «Troppo spesso, nell’ultimo periodo – continua Nicolò Basciano – si è vissuto di mode alimentari con una serie di conseguenti problemi a livello di prevenzione sanitaria ed è per questo che non potevamo non apprezzare il progetto della Coldiretti che, con la Campagna Amica, garantisce l’acquisto di prodotti genuini e del nostro territorio».

 

Lo sport e la sana alimentazione rappresentano il binomio leader per la salute, al primo posto dell’attività della Coldiretti – commenta il direttore provinciale, Giuseppe Meringolo. Per noi avere dei campioni tra gli stand del nostro mercato significa aver raggiunto un obiettivo: quello di lavorare insieme per condividere progetti che migliorino tutta la società. Perché – conclude – i campioni si vedono in campo, anche quello agricolo.

Condividi: