La regione finanzia 21 milioni per il nuovo ospedale di Alcamo e 17,4 per quello di Trapani

-

Sono 43,5 i milioni destinati alla provincia di Trapani per il potenziamento tecnologico, infrastrutturale e gli adeguamenti a norma di strutture sanitarie ospedaliere e territoriali. Lo prevede il decreto emanato dall’assessore della Salute della Regione siciliana, Ruggero Razza, che ha sbloccato l’accordo di programma ex articolo 20 della legge 67/1988. Il decreto finanzia progetti immediatamente cantierabili, in prevalenza a carattere territoriale,  e l’acquisto di arredi e attrezzature. Il 95% del finanziamento sarà a erogato dallo Stato, la parte restante dalla Regione Siciliana.

Questa la ripartizione dei finanziamenti:

-Realizzazione del Servizio di Radioterapia a Trapani: 3.400.000

-Ampliamento e adeguamento a norma del presidio ospedaliero  S. Antonio Abate di Trapani: 14.000.000

-Realizzazione del  nuovo presidio sanitario polivalente di Alcamo:  21.000.000

-Adeguamento di locali dell’ospedale V. Emanuele III di Salemi  da destinare a Presidio territoriale di assistenza:  500.000

-Ristrutturazione ex alloggio suore dell’ospedale Nagar di Pantelleria da destinare a foresteria per il  PTA:  500.000

 

-Ristrutturazione del PTA di Mazara del Vallo ne1Poliambulatorio:   500.000

 

-Ristrutturazione del Poliambulatorio Ex INAM di Marsala da destinare a PTA 1.400.000

-Ristrutturazione di parte dell’ex P.O. di Castelvetrano, già utilizzato come Poliambulatorio, da destinare a PTA:  1.200.00

 

-Acquisto arredi e attrezzature da destinare ai PTA della provincia di Trapani :  1.000.000

 

“Voglio ringraziare l’assessore Razza – commenta il commissario dell’ASP Giovanni Bavetta – per aver inserito i nostri progetti tra quelli finanziabili, e il dirigente servizio tecnico della nostra azienda Francesco Costa per il lavoro svolto.

In particolare abbiamo previsto una nuova struttura sanitaria ad Alcamo, visto l’impossibilità di ristrutturare il vecchio ospedale, situato in pieno centro storico, che comprenderà oltre al nuovo presidio ospedaliero, anche i servizi del distretto, dai poliambulatori, al PTA. Ma, come giustamente dice il presidente Musumeci, sono progetti immediatamente cantierabili:  anzi il bando per il progetto esecutivo per la realizzazione della nuova palazzina a fianco della struttura centrale del S. Antonio Abate, dove andranno le sale operatorie e la radioterapia, è già stato assegnato da mesi ed è in procinto di essere consegnato. Così potranno partire i lavori. Ma tutta la rete in provincia dei Presidi territoriali di assistenza assumerà un nuovo volto, in idonei locali e con nuove attrezzature”.

Condividi: