Venerdì 23 marzo la presentazione del libro “Di domenica”, di Maurizio Macaluso

Venerdì 23 marzo, alle 17.30, presso l’enoteca “Versi di Rosso”, in Corso Vittorio Emanuele 63 a Trapani, sarà presentato il libro “Di domenica”, di Maurizio Macaluso, edito da l’Erudita. Interverranno l’autore e la giornalista Ornella Fulco con la partecipazione di Gianluca Almanza, pianista, cantante e compositore. L’evento è organizzato con la collaborazione di “Impronte Musicali”. L’ingresso è libero. Dopo la presentazione seguirà un aperitivo. Info e prenotazioni 327/8914587.

IL LIBRO

Di domenica nei paesi le piazze si riempiono di bambini e donne vestiti a festa, al suono delle campane si scende in piazza con i parenti per il pranzo. Ci si ritrova con gli amici per guardare le partite mangiando i dolci e godendosi il riposo. Ma qualcuno sceglie di defilarsi dalla comunità e, nell’ombra, si reca altrove meditabondo, in cerca di un’avventura lontano dagli sguardi altrui.

 

Alfonso Patanè, vedovo, integerrimo dirigente comunale in un piccolo paese della Sicilia, è stanco di condurre una doppia vita. Una domenica, mentre porta i fiori alla moglie defunta, conosce Andrea, un giovane che lo accende di passione. Tra i due nasce un legame profondo. Patanè attende, con ansia, ogni domenica per incontrare il suo amato.  Unico ostacolo al suo desiderio è la mentalità dei suoi compaesani, che gli creano non pochi problemi, costringendolo a districarsi in una rete di ricatti e maldicenze che si celano sotto un finto manto di buonismo e moralità.

 

Maurizio Macaluso torna ad occuparsi, dopo “L’uomo che amava i bambini”, di un tema sociale scottane, l’omofobia.  Un fenomeno che, nonostante le recenti conquiste normative, ha ancora radici profonde nel sentire e nell’agire sociale e che sfocia, spesso, in casi di discriminazione e in episodi di violenza fisica e psicologica di fronte ai quali non si può continuare a fare finta di nulla. Con uno stile accurato, scandito da brani di lucido cinismo, l’autore fotografa una realtà, figlia di una comunicazione consunta e frammentaria, del pregiudizio e dell’ostilità che allontana gli uomini, relegandoli a un paralizzante isolamento emotivo.

L’AUTORE

Maurizio Macaluso ha 46 anni. È giornalista pubblicista. Ha collaborato con importanti quotidiani regionali e periodici locali. È già autore di altri tre romanzi, “L’uomo che amava i bambini” (2015), “La Cagna” (2017), e “Meglio un rospo arrapato che un principe attempato” (2017).