Da Pantelleria a Miami: la storia di Marco D’Amico

Da Pantelleria a Malta fino a Miami e ritorno con una costante: il mare. È il percorso professionale di Marco “1Pantelleria” D’Amico, talento siciliano di poker sportivo che ha deciso di tentare l’avventura americana per confrontarsi con i più forti campioni di una disciplina che negli ultimi anni gli ha regalato risultati e soddisfazioni.

Marco D’Amico è uno dei pochi giocatori di alto livello capace di districarsi con ottimi risultati sia nei tornei live che nel poker online. L’amore per la disciplina nasce durante gli anni universitari. È in qual periodo che D’Amico scopre il tavolo verde virtuale, iniziando a farsi conoscere nel panorama nazionale. L’anno è il 2007 e “1Pantelleria”, nickname scelto per sottolineare il suo legame con la terra d’origine, inizia a intraprendere quel percorso di studio del gioco e approfondimento che gli permetterà di ottenere i risultati degli anni seguenti, lanciandolo nel mondo del professionismo.

Il primo piazzamento di prestigio nella bacheca del ragazzo siciliano è il terzo posto nell’evento 1 NLHE delle ICOOP 2012, il più importante appuntamento online del poker italiano. Nel 2014 altro step importante della carriera: la vittoria nel Sunday Special di PokerStars. In mezzo una serie lunghissima di tavoli finali conquistati nei principali tornei del palinsesto nazionale.

Ma è il 2015 la stagione del salto di qualità. Ad aprile di quell’anno D’Amico ha vinto il Sunday Challenge battendo grazie a una strategia di gioco estremamente equilibrata un buon numero dei più noti regular italiani. Un risultato che l’ha proiettato di diritto nell’èlite della disciplina a livello nazionale.

Se l’ultimo piazzamento di rilievo online è il decimo posto nell’evento 39 delle ICOOP 2016, a D’Amico non sono mancate anche le soddisfazioni nel live. Il palmares nei tornei dal vivo vanta un secondo posto nel Main Event dell’IPC di Malta nel 2013, una qualificazione all’appuntamento finale dell’EPT 13, sempre a Malta nel 2016 e un quinto posto assoluto nel The Poker One a dicembre dello stesso anno.

Una carriera estremamente variegata e che nel 2015 ha portato D’Amico a compiere una interessante scelta di vita: quella di trasferirsi a Miami per confrontarsi con i più forti giocatori del mondo e per migliorare le sue strategie al tavolo verde. Nella città della Florida, il siciliano ha trovato nuovi stimoli e un compagno di avventura, quel Mario Perati conosciuto nel poker online con il nickname “Supermet”.

I due, tra i protagonisti del docufilm Rai “Vacanze a Miami”, hanno più volte spiegato le origini e i motivi della loro scelta. Se per Perati la decisione nacque dopo la partecipazione alle WSOP di Las Vegas con l’obiettivo di trovare avversari di livello con cui confrontarsi, per D’Amico il percorso è stato più lungo. Un percorso partito da Pantelleria, proseguito a Malta e con l’incontro con il cash game live, e terminato a Miami.

Una bella storia quella di Marco D’Amico. Un ragazzo che ha deciso di seguire le sue aspirazioni e il suo sogno in tutto il mondo senza mai dimenticare il profondo legame con l’isola natia.