Determinazione e moderata sfrontatezza a protezione del suo Fulgatore. Fabio Cirrone si racconta a TvioSport

Fase calda della stagione, da proseguire e chiuderla nella maniera più serata. Questi gli auspici in casa Fulgatore e i pensieri che attraversano, uno ad uno, tutti i fulgatoresi, dai dirigenti, ai tifosi, fino a chi va in campo per mantenere vivo un sogno. L’impegno è arduo perché Domenica ci sarà contro il Balestrate, finito la stagione regolare al secondo posto, anche se mister Grammatico vanta la miglior difesa del torneo con sole 20 reti subìte. Venti sono anche gli anni che Fabio Cirrone compirà il prossimo 8 Maggio. Cirrone, difensore, si racconta ai nostri microfoni. «Spesso negli scorsi anni, da Under, ho giocato da terzino ma quest’anno finalmente mi sono potuto esprimere al meglio nel mio vero ruolo, quello di centrale!».

La maglia del Fulgatore nel suo destino, sin da piccolo. Dopo un lungo girovagare dalla Forese, Città di Trapani, Cinque Torri e Juvenilia, il ritorno alla vera e stabile casa madre: «Adesso sono qui felicissimo di far parte di questa società!». Un 3-2 da brividi contro il Valderice, dopo il doppio vantaggio neroverde siglato da Catalano e Vulpetti; poi la rimonta firmata da Stabile, Alberto Cirrone e Baiata. Play off in ghiaccio al quale però Fabio non potrà partecipare perché dovrà scontare l’ultima delle due giornate di squalifica: «Purtroppo io non potrò essere della partita così come Daniel Simone per via della squalifica di 2 giornate che mi ha rifilato il giudice sportivo nella partita contro lo Strasatti. Darò il mio sostegno dalla tribuna, Mi auguro che i miei compagni mi facciano questo regalo con una bella vittoria così posso disputare la finale!».

Che partita bisogna aspettarsi contro il Balestrate?

«Domenica sarà il grande giorno. Quest’anno abbiamo inseguito tanto il traguardo dei play off e, anche se con un po’ di sofferenza, lo abbiamo raggiunto. Sarà una partita difficilissima perché affrontiamo la squadra candidata a vincere i play off, la più attrezzata anche se noi siamo consapevoli della nostra forza e sono convinto che possiamo staccare il pass per la finale! Sarà difficile ma non impossibile, per noi conta solo vincere visto che con il pareggio dopo i 120 minuti saranno loro a gioire!».

Difficile per il Balestrate che quest’anno è stata la difesa meno battuta del girone.

«Quest’anno un nostro punto di forza senza ombra di dubbio è stata la difesa, nonostante le parecchie assenze in tutti i reparti durante l’anno, su tutti:Reina, La Sala e Rondello. Domenica però possiamo contare sui rientri del nostro capitano Calamia che con la sua esperienza ci darà una grossa mano, e di Alessandro Reina che secondo me è il giocatore più forte di questa categoria, sprecato. Per motivi di lavoro ha giocato soltanto 3 partite».

Alla luce dei due impegni canonici in campionato, su cosa bisognerà battersi maggiormente per sconfiggere il Balestrate?

«Per fare male a loro dobbiamo fare una gran prova in tutti i reparti sperando che Baiata sia in giornata…potrà essere lui l’arma in più!».

Rimorsi?

«Un po’ di rimpianto c’è a campionato concluso perché secondo me noi a squadra completa eravamo la squadra più forte del campionato e con un pizzico di fortuna in più avremmo potuto classificarci qualche posto più in alto!»

Fabio, nonostante la squalifica, proferisce parole da sprono all’ambiente Fulgatore, pronto alla battaglia…

«Ci stiamo preparando bene per questa partita importantissima, arrivati a questo punto è logico che vogliamo vincere a tutti i costi questi play off accendendo al torneo di Promozione!».

La chiosa finale con riflessioni personali.

«A livello personale penso che anche per me sia stata un’ottima stagione. Il mister mi ha dato continuità e sono cresciuto tanto grazie ai consigli dei compagni più grandi, di mister Grammatico e Favarotta».