Ennesima occasione sprecata: il Trapani non va oltre il 2-2 contro il Monopoli

Ennesima occasione sprecata. Il Trapani non va oltre il 2-2 al “Provinciale” contro il Monopoli di Scienza nonostante si sia trovato per due volte in vantaggio. Due i punti persi dai granata che rimangono al secondo posto in classifica in virtù della sconfitta inflitta dal Matera al Catania nei minuti di recupero; mentre è festa in Salento con il Lecce che matematicamente è la terza promossa in Serie B dopo Padova e Livorno.

Calori schiera Dambros in avanti per sopperire alle assenze di Evacuo e Polidori e alle non perfette condizioni di Campagnacci; mister Scienza opta per un 3-4-1-2 con Sounas dietro il bomber Genchi e Sarao. Al 3’ ci prova subito il Trapani con Palumbo ma il suo tiro-cross direttamente su punizione si spegne sul fondo; dopo 5 minuti grossa chance per i granata: Murano svetta di testa, il suo diventa un assist per Scarsella che a due passi dal portiere colpisce il pallone di petto e facilita l’intervento di Menegatti (seconda presenza stagionale per lui, ndr). All 11’ angolo non sfruttato dal Monopoli da cui scaturisce un contropiede condotto perfettamente da Rizzo che, dopo 70 metri palla al piede, serve Murano che incredibilmente spara direttamente in curva per la disperazione dei 4000 del “Provinciale”. Il Monopoli non riesce a contrastare le folate offensive dei padroni di casa che al 18’ passano in vantaggio: assist al bacio di Marras per Murano che incrocia con il destro per l’1-0 granata. Il gol non scuote il Monopoli che rischia di capitolare 3 minuti dopo su un pallonetto di Scarsella sventato in angolo da un ottimo Menegatti. La giornata in chiaroscuro di Murano è testimoniata dall’occasionissima sprecata al 46’: innescato ottimamente da Dambros, il numero 11 granata calcia addosso al portiere.

Pronti via e nella ripresa il copione del match non cambia; al 50’ altra clamorosa chance per Murano che, ancora una volta davanti all’estremo difensore del Monopoli, spreca clamorosamente e calcia addosso al portiere. Al 62’ altra punizione al veleno di Palumbo ma né Scarsella né Silvestri riescono ad impattare il pallone. Il calcio non è una scienza esatta e spesso se sbagli troppo alla fine paghi. Al 69’ bellissima azione orchestrata dal Monopoli sulla corsia mancina e cross in mezzo dove Longo è il più lesto di tutti e insacca per l’1-1 ospite. Il Trapani subisce rete al secondo tiro verso lo specchio della porta della formazione pugliese. Calori ridisegna la squadra con l’innesto di Campagnacci per lo spento Dambros e passa al 4-3-3 con Drudi terzino destro. Il pareggio dura appena 7 minuti: è il 76’ quando il pallone messo in mezzo da Campagnacci trova il braccio di un difensore ospite. E’ calcio di rigore. Dal dischetto Corapi è freddo e riporta i granata in vantaggio. Quando ormai la vittoria sembra scritta, ecco la doccia fredda: azione fotocopia del primo gol e ancora Longo conclude in porta con una difesa del Trapani che sta a guardare.

Ennesimo pareggio casalingo per il Trapani che rallenta ancora la sua corsa e perde un’altra occasione per chiudere il discorso secondo posto. Calori, visibilmente amareggiato, a fine gara ha commentato così il match: “Dispiace perché abbiamo sprecato tante occasioni e vincendo oggi eravamo matematicamente al secondo posto. Dovevamo essere più cinici sotto porta ma soprattutto molto più attenti in difesa. Faccio i complimenti al Lecce per la promozione in B”.

Con questo pareggio il Monopoli di Scienza è matematicamente ai playoff e il mister della squadra pugliese non può che essere soddisfatto: “All’inizio abbiamo sofferto ma non abbiamo mai mollato. I playoff per noi e per la nostra città sono un traguardo straordinario e ce lo godiamo con tutti i nostri tifosi.”

Ultimi 90 minuti da disputare per difendere il secondo posto che garantirebbe l’accesso al secondo turno della fase nazionale; al Trapani “basta” una vittoria in trasferta a Cosenza per respingere gli attacchi dei cugini etnei che giocano tra le mura amiche contro il Rende.