LA “ GUERRA “ DEGLI ARREDI DI VIA GARIBALDI

La disposizione dirigenziale , la n.618 del 3 agosto, è chiara e non ammette discussioni: “ nei giorni 6/7/13 e 16 i ristoranti, bar e altri esercizi che si trovano nella via Garibaldi e che occupano spazi  esterni con strutture precarie dovranno rimuoverle, comprese pedane,  tavolini, arredi, fioriere etc”, per permettere il transito delle
processioni in occasione delle feste di Sant Alberto, santo Lorenzo,
Madonna di Trapani.

Così è stato in occasione della processione di Sant Alberto, ma non per tutti.

Infatti, come fa sapere un noto ristoratore di Via Garibaldi, “io ho obbedito alla Ordinanza del dirigente del comune di Trapani; ho, ovviamente, un costo notevole ogni volta che devo rimuovere e risistemare il tutto.

Poi allungo lo sguardo sempre sulla stessa Via Garibaldi e vedo che altri hanno lasciato tutto come così come era, la processione è passata ugualmente” e a corredo mostra la foto del suo locale con gli arredi tolti e quelli vicini che invece fanno bella mostra di se con tutti gli arredi e pedane al loro posto.

La legge, si chiede, è uguale per tutti o non è così? Eppure, aggiunge,
i vigili da me sono passati, hanno controllato etc., solo da me?
Poi aggiunge l’ultima chicca: “ un paio di giorni dopo la festa del patrono, c’è stata un’altra processione, non ci era stato ordinato nulla
e quindi gli arredi esterni erano al loro posto.

La processione è passata tranquillamente, senza alcun problema per tutta la via
Garibaldi. Allora forse non è necessaria la rimozione degli arredi
esterni”.
Valli a capire……….

vab