MUSUMECI CHIEDE I PIENI POTERI…. PER COBATTERE IL VIRUS ?

E’ proprio vero:”piccoli Orban crescono”, o vorrebbero crescere. Come in Sicilia dove il Presidente Musumeci smessi i panni politici di pacificatore ha indossato quelli, a lui per storia più congeniali, di uomo d’ordine, chiedendo al Presidente del Consiglio  Conte i pieni poteri. Sarà un caso ma questa richiesta, motivata con la crisi determinata dal covid19, arriva all’indomani della decisione del premier ungherese Viktor Orban di farsi dare e ottenere ( non c’erano dubbi) i pieni poteri dal parlamento. In Italia prima di lui, come è noto, era stato Salvini ad avanzare in ipotesi analoga richiesta. Forte di questo consenso della destra italiana per Orban, il presidente della Regione tenta la sua carta, anche se difficilmente con questo governo nazionale potrà sperare di ottenerla.

Come era inevitabile la sua richiesta ha innescato una polemica politica non proprio opportuna in questo momento così particolare per il Paese e la Sicilia. A Trapani è stato il segretario provinciale del PD, l’avv. Marco Campagna, ad esprimere “preoccupazione per la richiesta del Presidente della Regione di poteri speciali in materia di sicurezza convinti che su temi così delicati la competenza debba rimanere allo Stato”. Campagna coglie l’occasione per avanzare tutta una serie di critiche, proprio a Musumeci, per come sta “provando a fronteggiare un’emergenza sanitaria che ogni giorno diventa sempre più sociale”. Riprende la richiesta avanzata dai Sindaci della provincia di Trapani inviata a Musumeci rispetto ai gravi ritardi nell’effettuare i tamponi, alla mancanza di reagenti e rispetto alle difficoltà nelle cure per i malati oncologici. Altra accusa a Musumeci è quella di “ non aver trovato una soluzione sul punto nascita di Pantelleria….mentre si invoca l’esercito per far rispettare la quarantena ai cittadini si costringono le donne di Pantelleria ad affrontare un viaggio per partorire a Trapani”. La sua conclusione:” non è con soluzioni improvvisate che la Sicilia potrà resistere alle prossime settimane, ancor più delicate. E’ avidente che non servono pieni poteri, ma la capacità di gestire l’emergenza”.

La risposta al PD trapanese è stata immediata ed è arrivata con un comunicato stampa del movimento “Diventerà Bellissima” fondato dallo stesso Musumeci. Ovviamente si plaude alla richiesta del Governatore catanese con la motivazione piuttosto labile che “il veder riconosciuto l’art.31 dello Statuto Siciliano che riconosce per il Presidente il controllo delle Forze di Polizia e dell’Esercito”, potrà servire per tutti i presidenti che si succederanno a Palazzo D’orleans. Sarà un caso che, come ammettono gli stessi esponenti del movimento, che questa “norma inattuata perché scritta prima della Costituzione Italiana”,  nessuno negli oltre 70 anni di democrazia l’ha mai chiesta? Qualcuno osserva che ci sarebbe tanto da discutere su quali poteri sarebbero riconosciuti al solo Presidente ricordando che agirebbe quale “organo dello Stato”, quindi non in autonomia.

Ma è un problema tutta da venire perché, come dicono gli stessi associati di Diventerà Bellissima, “ l’iter sarà lungo e difficile, non prima di sei mesi ( la crisi del virus dovrebbe, si spera, essere terminata ), ma intanto il primo atto è stato fatto”. Nessuna risposta alle critiche del PD a Musumeci su come sta affrontando la crisi sanitaria, riconoscendo di fatto il vero obbiettivo dei pieni poteri che non ha nulla a che vedere con la situazione sanitaria determinata dal corona virus.

                                                                              Aldo Virzì