NACCI LASCIA IL PSI. LA REPLICA DI NINO ODDO SEGRETARIO REGIONALE DEL PARTITO

Riceviamo e pubblichiamo: Con un intervista su “Social” di questa settimana Luigi Nacci ha ufficializzato l’uscita dal psi e il non rinnovo della tessera. I toni usati non sono stati polemici ma la sostanza è chiara e politicamente molto grave.

Molto grave perché Nacci non era un consigliere comunale qualsiasi che cambia soltanto casacca per
convenienza, evento disdicevole ma purtroppo molto diffuso nella vita politica di questa seconda Repubblica. Ma lui è stato il candidato sindaco di una coalizione che si è contrapposta ad un sistema di potere vigente ad Erice dal 2007. Non è stato eletto ma è entrato in consiglio non in forza delle sue preferenze da candidato al consiglio che nella fattispecie non gli avrebbero stavolta consentito l’accesso al consesso civico ericino. Ma in forza dell’oltre il 20 per cento di consensi riscossi come candidato di 6 liste e sulla base di un preciso progetto politico, alternativo a quello impersonato dalla
Toscano.

Per carità sarà stato illuminato sulla via di Fico, dimenticando di essere considerato “una persona minorata” come disse Tranchida in una famosa intervista, ma dignità vorrebbe che si dimettesse restituendo alla coalizione che lo ha eletto il
seggio che ricopre proprio in quanto leader in consiglio di quella coalizione. Non lo farà e di questo noi socialisti abbiamo il dovere morale di chiedere scusa cittadini ericini che lo votarono.

                                                                          On. Nino Oddo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: