REVOCATI AL SEN. D’ALI’ GLI OBBLIGHI DI DIMORA

Il senatore Antonio D’Alì non è più “socialmente pericoloso”, già da oggi è tornato completamente libero anche di muoversi per tutto il Paese. Da due anni, infatti, era costretto a vivere nel territorio di Trapani nel rispetto della decisione della sezione delle misure di prevenzione del Tribunale di Trapani. A quella decisione si erano opposti i suoi legali che oggi hanno segnato un punto a favore in una vicenda giudiziaria che dura da oltre 9 anni. Stamattina la Corte di Appello di Palermo ha revocato quanto deciso a Trapani . Nell’appello la Procura aveva chiesto la riconferma della decisione dei magistrati trapanesi a tre anni di dimora obbligatoria, non sono stati d’accordo i giudici della Corte di Appello.

Adesso l’ex senatore e politico (i suoi amici dicono che ha definitivamente abbandonato la politica ndr) potrà ricongiungersi a Roma con la moglie. Ma dovrà continuare a seguire, con più libertà di movimento, il processo che lo riguarda per l’accusa di “ concorso esterno in associazione mafiosa” che si trascina dal 2011 e che è ricominciato ancora una volta in Corte di Appello, a Palermo, su decisione della Cassazione.

                                                                                         a.v.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: