Libero consorzio comunale di Trapani: Approvato il Bilancio di Previsione 2020-2021

Riceviamo e pubblichiamo

Il Commissario Straordinario del LCC di Trapani, dott. Raimondo CERAMI , esprime grande soddisfazione per il lavoro svolto dagli impiegati e funzionari dell’Ente che anche quest’anno, in controtendenza rispetto agli altri Enti di area vasta della regione Sicilia, ha consentito  nella seduta del 13.07.2020, di adottare il Bilancio di previsione per gli anni 2020-2022, a breve distanza dall’approvazione del rendiconto 2019, approvato con deliberazione n. 1 del 3.06.2020.

Il Bilancio  ha avuto il parere favorevole dell’organo di revisione ed è stato redatto nel pieno rispetto degli equilibri di  finanza pubblica nel triennio di riferimento, e le sue previsioni sono coerenti con gli strumenti di programmazione, come il Documento Unico di Programmazione (DUP) , il Piano Triennale dei lavori pubblici, la Programmazione del fabbisogno di personale, il Piano di alienazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare etc.).

Tra le voci di bilancio più significative il dr. Cerami evidenzia in particolare  la voce relativa all’applicazione dell’avanzo  di € 5.859.657,00 risultante dall’approvazione del rendiconto 2019,  di cui € 2.297.063,28 destinato a finanziare spese vincolate ed € 3.600.000,00 destinati a finanziare spese di investimento nell’ambito dell’edilizia scolastica..

Per quanto riguarda le entrate, il Dr. Cerami indica in particolare il totale azzeramento dei trasferimenti erariali correnti a causa dell’incapienza di € 4.754.985,74 prevista dall’art. 16 comma 7 del d.L. 95/2012 , per i quali sarà avviato il recupero nel corso dell’anno da parte dell’Agenzia delle Entrate, in fase di versamento dell’Imposta sulle assicurazioni RCA. Lo stanziamento relativo all’ex Fondo Sviluppo Investimenti per € 96.166,50 sarà utilizzato per finanziare interventi di manutenzione straordinaria nella viabilità provinciale, mentre i trasferimenti regionali sono stati previsti per € 8.950.815,52.

Per quanto riguarda invece le spese, l’attenzione è stata posta sulla parte in conto capitale con una previsione di circa 50 milioni di euro che potrà consentire all’Ente l’avvio della spesa di investimento nell’annualità 2020, soprattutto nel campo della viabilità (attraverso i fondi MIT, Patto per il Sud , APQ  etc. ) e in materia di edilizia scolastica  con fondi principalmente regionali. 

Tali interventi consentiranno di migliorare ulteriormente le condizioni della viabilità provinciale e assicurare al mondo della scuola edifici  scolastici sempre più di proprietà ma anche sicuri .

In sintesi si può dire che si tratta di un Bilancio che potrà consentire di perseguire gli obiettivi strategici delineati nel DUP, ponendo maggiore attenzione alla politica di razionalizzazione dei costi e di miglioramento delle entrate, che può attuarsi attraverso una migliore valorizzazione del patrimonio immobiliare dell’Ente.

L’auspicio è quello, conclude il dr. Cerami, di consegnare alla politica un Ente che abbia tutte le carte in regola per poter ripartire, per le importanti funzioni che la legge ha previsto per gli Enti di area vasta , tra cui il LCC di Trapani potrà recitare un ruolo importante negli anni a venire.