IL LUGLIO MUSICALE COSTRETTO A RITIRARE IL BANDO PER L’ADDETTO STAMPA

A porre l’attenzione sul problema era stato per primo il consigliere comunale Giuseppe Lipari (soprannome affettuoso:Boccino) con una interrogazione al Sindaco. L’oggetto era il Luglio Musicale e “l’avviso esplorativo per l’affidamento dell’incarico di addetto stampa e di consulente per la comunicazione”. Lipari  nella sua interrogazione poneva una serie di domande, a cominciare dall’avvenuta pubblicazione dell’avviso sul sito del comune ma unicamente per il consulente della comunicazioni e non per l’ addetto stampa; poneva anche la necessità di allungare i tempi per permettere un’ampia conoscenza. Per finire l’invito al Sindaco a trasmettere “ come sua buona prassi in tema di società partecipate” gli atti in Procura. Ovviamente l’interrogazione partiva da affermazioni tecniche, ma l’obbiettivo di Lipari era politico.

Solo motivazioni sindacali nella presa di posizione del segretario provinciale dell’assostampa di Trapani. “ Ci sono troppe incongruenze riportate nel bando” per l’addetto stampa era stato l’incipit del comunicato del segretario Vito Orlando  che, dopo averne illustrate alcune, la più clamorosa quella della mancata obbligatorietà di iscrizione all’ordine dei giornalisti, chiedeva  “il ritiro in autotutela  dell’avviso.

Oggi la conclusione con la decisione del Luglio Musicale di procedere all’annullamento in autotutela, come richiesto dall’assostampa,  dell’avviso per l’incarico di addetto stampa. “ Siamo soddisfatti dell’intervento dei vertici dell’Ente, ha commentato Orlando, anche se qualche perplessità resta, come l’applicazione del codice degli appalti con la previsione dell’offerta al ribasso ….. come la valutazione di  punti per l’iscrizione all’ordine dei giornalisti , che essendo requisito di partecipazione non andrebbe valutato”.

 E’ rimasto il bando per l’incarico di consulente per la comunicazione e l’immagine visiva. Non è stato ritirato, ma chi ha seguito l’attività del Luglio Musicale ricorda che lo scorso anno lo stesso Ente, anche se con altra Direzione, aveva affidato l’incarico, a seguito di gara, ad una azienda che fa capo a Pia Marchingiglio, nota professionista trapanese. Non si comprenderebbero, a rigor di logica, i motivi per i quali si è fatto un nuovo bando, ammenochè non si voglia dar credito a certe voci che trasmigrano le motivazioni non sul piano tecnico ma politico e non solo.

Qualunque sia il motivo, il debutto della nuova dirigenza non è iniziato nel migliore dei modi e non soltanto per la poca conoscenza ( per esempio nel settore dell’informazione ndr) che ha caratterizzato i due bandi.  Le partecipate- (lo è anche il Luglio Musicale, come l’ATM o la FuniErice e non soltanto –  stanno subendo una pericolosa involuzione. 

                                                                            Aldo Virzì

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: