La Polizia di Trapani ha eseguito ieri un arresto per droga ai danni di Spiridione Abate, incensurato 54 enne. Secondo la tesi della Polizia, l’uomo avrebbe nascosto circa tre chili di hashish negli uffici del Genio civile di Trapani siti in via Manzoni, nel territorio di Erice Casa Santadi, di cui disponeva delle chiavi. Ciò gli consentiva di entrare nei locali durante l’orario di chiusura e di agire indisturbato.[su_spacer]

L’uomo è chiamato a rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo le formalità di rito è stato rinchiuso nelle carceri di San Giuliano, su disposizione del sostituto procuratore Andrea Tarondo.[su_spacer]

A far scattare l’arresto, i controlli disposti dal questore Maurizio Agricola. Una pattuglia della sezione antidroga della Squadra mobile, impegnata nei servizi di controllo del territorio, mentre transitava lungo la via Manzoni, ha notato un soggetto che si fermava con l’auto proprio davanti al Genio civile. Sceso dalla sua autovettura, l’uomo dopo essersi guardato attorno con circospezione, entrava nell’edificio, ignorando che i poliziotti osservassero le sue mosse. Dopo essere rimasto dentro per pochi minuti, usciva dal Genio civile dirigendosi verso l’auto. A questo punto, però, entravano in azione i Poliziotti, i quali lo bloccavano. Il cinquantaquattrenne avrebbe consegnato agli agenti, di sua volontà, un panetto di hashish del peso di 98 grammi. Gli agenti di Polizia decidevano di estendere la perquisizione al garage d’ingresso e agli uffici del Genio Civile, visto il possesso delle chiavi da parte dell’uomo.[su_spacer]

Nel sottoscala dell’androne sono così stati rinvenuti altri due chili di hashish. Un altro panetto di droga, del peso di circa 100 grammi, infine, è stato rinvenuto nell’auto dell’indagato. Per Spiridione Abate è così scattato l’arresto. Le indagini della Polizia proseguono per verificare eventuali complici nell’attività di spaccio.