C’eravamo anche noi, insieme a Ninni Pipitone in rappresentanza degli operatori turistici trapanesi, ieri mattina a Palazzo Comitini, sede storica della Provincia di Palermo, in occasione della presentazione dei voli della stagione estiva 2017 presentata dalla Gesap, società di gestione dell’Aeroporto del capoluogo Siciliano.

Dopo le polemiche dei giorni scorsi suscitate dalle parole di Leoluca Orlando in merito al rapporto tra Birgi e Punta Raisi , abbiamo atteso la fine dei lavori per poter chiedere direttamente un chiarimento sul punto.

“Non ho alcun piacere ma il dovere di ribadirlo.
Dopo la soppressione dell’Ente Provincia la crisi ha investito lo scalo Trapanese che sarà, a stretto giro di posta, destinato ad una triste fine, come l’aeroporto di Rimini.
Le dinamiche di mercato parlano chiaro e non c’è margine per poter vivere solo di fondi pubblici.
Bisognerebbe costruire un’intesa tra le società di gestione, Gesap ed Airgest, e far sì che domani alcuni vettori possano atterrare a Birgi e collegarsi rapidamente con Palermo, con mezzi di trasporti veloci.
Il mio è un auspicio affinchè i Cda delle due società collaborino fattivamente per i territori. Il Comune di Palermo, in quest’ottica, c’è ed è disponibile al dialogo.”

Questa la replica del Sindaco Orlando alle dichiarazioni dei politici Trapanesi, molto ostili sulla questione.

Nella stessa direzione le parole del Presidente della Gesap Giambrone:” Riteniamo che sia assolutamente una priorità entrare in sintonia con l’aeroporto di Trapani, a pochissimi Km dal nostro, e creare delle sinergie con tutta la Sicilia Occidentale.
Palermo deve essere una delle principali porte di accesso per tutto il territorio Siciliano.
Abbiamo l’idea di migliorare ed implementare i collegamenti tra le due infrastrutture per fare sistema, pur salvaguardando l’identità dell’aeroporto Trapanese”

-Oscar Ferreri-