La vita al giorno d’oggi è molto cara, si lavora molto, si guadagna poco e si cerca di risparmiare il più possibile per togliersi qualche sfizio. I conti correnti bancari anche hanno un costo che dipende dalla banca scelta, ma come si sa, non c’è nulla di gratis; quindi molte coppie, per non aver due conti correnti distinti e quindi pagare doppie spese, scelgono un conto corrente cointestato.

Un conto corrente cointestato è, come lo dice la parola stessa, un conto corrente intestato a due persone differenti, generalmente una coppia di coniugi. Ma non è indispensabile la parentela, anche due soci, ad esempio, possono avere un conto cointestato.

Prevede l’utilizzo congiunto del conto, con due carte bancomat e, se richieste, due carte di credito, che fanno capo ad un unico conto corrente. Ormai sono tante le banche che propongono questa formula di conto. Benchè sia un unico conto, i coniugi, in fase di versamento e prelievo sono indipendenti, a meno che, in fase di sottoscrizione di contratto, non optino per la scelta di firma congiunta per le operazioni che vedremo successivamente.

Ma come si apre un conto corrente cointestato? E’ molto semplice. Puoi iniziare facendo una ricerca su internet delle banche che offrono il suddetto tipo di conto; potresti scrivere sulla barra ricerca -conto corrente cointestato a buon prezzo-. Clicchi invio e ti appariranno pagine su pagine con tutte le offerte disponibili nelle filiali bancarie. Inizia ad aprire le pagine e a guardare le offerte disponibili. Chiaramente leggi tutto il regolamento, perchè devi evitare di trovare brutte sorprese una volta aperto il conto. Non ti soffermare al primo sito scelto, sii meticoloso nella ricerca e trova il conto corrente cointestato più conveniente. Quindi, dopo aver scelto il conto corrente cointestato giusto per te, puoi procedere all’apertura. Alcune banche ti offrono la possibilità di aprire conti correnti direttamente on-line, altre banche invece lo fanno aprire solo presso le filiali.

Quindi se vuoi procedere on-line, devi procurarti tutta la documentazione necessaria, renderla digitale e procedere. La banca provvederà a mandarti direttamente presso il tuo domicilio le carte richieste. Se vai in filiale, devi andare insieme al cointestatario del conto. Ti verrà chiesta la documentazione necessaria ed in poco tempo puoi aprire il tuo conto corrente cointestato.

C’è anche la possibilità di far subentrare un cointestatario in un conto corrente bancario già esistente.

C’è un pò di documentazione da compilare, ma la procedura è abbastanza semplice.

Ci sono due tipi di conto corrente cointestato: con firma congiunta (come accennato in precedenza) e con firma disgiunta. Il conto corrente con firma congiunta necessita la presenza e la firma di tutti i cointestatari per fare qualsiasi operazione, dal prelievo in cassa, ai versamenti, emissione di assegni, bonifici o altri servizi.

Il conto corrente con firma disgiunta, autorizza i cointestatari ad operare in modo indipendente.

Chiaramente i contratti sono differenti per ogni banca, quindi in base alla banca scelta, sono messi a disposizione diversi tipi di servizi. Poichè, come si è detto precedentemente, uno degli scopi di un conto cointestato è il risparmio, bisogna prestare la massima attenzione alla scelta del conto corrente. Cerca sempre di vedere bene i servizi offerti ed i relativi costi; non essere superficiale nella scelta perchè una scelta sbagliata di conto corrente cointestato, potrebbe costarti caro e non è il caso di spendere soldi inutili.

Quindi, se ancora non hai provveduto ad aprire un conto corrente bancario o subentrare al conto del tuo socio o del tuo coniuge, è il momento giusto per farlo e per avere un bel risparmio sull’economia domestica o aziendale.

Fonte: http://www.qualeconto.net/