2ª tappa siciliana del Giro d’Italia scortata dalla Polizia Stradale

Seconda tappa siciliana per il Giro d’Italia 2018: tempo di quinta frazione per la Corsa Rosa che riparte con l’Agrigento-Santa Ninfa, di 153 chilometri. 

I corridori si daranno battaglia sulle strade della Sicilia, in una frazione suddivisa in due parti. La prima parte, lungo la costa, proporrà un percorso pianeggiante, dopodiché ci si sposterà nell’entroterra.

ll via da Agrigento sarà fissato alle ore 13.20.

La carovana transiterà da Porto Empedocle e si manterrà per buna parte lungo la costa sulla strada statale 115. Prima di giungere a Sciacca, si attraverserà la località di Montallegro. In seguito si prenderà la direzione della Valle del Belice. Il rifornimento per i corridori sarà posizionato a Menfi, dopodiché si comincerà a salire per affrontare la prima difficoltà di giornata: GPM di Santa Margherita di Belice (4ª categoria). Dopo un breve tratto in falsopiano, ci sarà il traguardo volante diMontevago. A questo punto ci affronterà la discesa verso Ponte Fiume Belice. Subito a seguire inizierà l’ascesa verso il GPM di Partanna (4ª categoria). La successiva discesa porterà in località Gafaglione, poi si proseguirà alla volta diSalaparuta.

A Poggioreale sarà posizionato il secondo traguardo volante, poi si salirà verso il paese vecchio, dove in cima troveremo l’ultimo GPM (4ª categoria).

Prima di giungere all’arrivo di Santa Ninfa si attraverseranno altre località della Valle del Belice. I 5 Km conclusivi presenteranno un tratto in leggera discesa fino a Strada Molinazzo, dopodiché ci sarà una breve salita con pendenze medie al 6,1% e punte massime al 12%. Superato l’arco dell’ultimo chilometro ci attenderà il falsopiano, poi una leggera discesa e in seguito sempre in leggera salita si giungerà al traguardo.

La tappa verrà scortata da 25 operatori della polizia stradale di Trapani,di cui 6 motociclisti che garantiranno la sicurezza del giro da Montevago fino all’arrivo.