Pallacanestro Trapani: nuova stagione all’insegna di #granatapower

Un nuovo inizio, un team rinnovato, una squadra giovane, unita nella corsa in quello che sarà un campionato combattuto. Tutto questo è il potere granata, o meglio, tutto questo è il #granatapower, nuovo hashtag lanciato dalla Pallacanestro Trapani per questa nuova stagione.

Il nuovo slogan è solo una delle tante novità di quest’anno.

Tanti i cambiamenti, dal nuovo ingresso nell’organigramma granata, alla rinnovata composizione della squadra, passando per il nuovo main sponsor.

Partiamo proprio da quest’ultima novità: questa stagione il nome della Pallacanestro Trapani sarà accompagnato da quello di un’altra società del presidente Pietro Basciano, la 2 B Control.

Altra novità è l’arrivo di Davide Lamma, giunto a Trapani per rivestire il ruolo di General manager, compito prima nelle mani di Nicolò Basciano, passato ora al ruolo di Amministratore delegato. Lamma è conosciuto nel panorama cestistico per il suo passato da giocatore, può vantare anche 26 presenze con la maglia della nazionale. Negli ultimi anni il nuovo DS ha ricoperto diversi ruoli, sia a livello tecnico che dirigenziale, e sarà una forza nuova per la Pallacanestro Trapani. Il bolognese con il suo apporto, contribuirà al percorso di costante crescita intrapreso dalla società granata, nella realizzazione del progetto tecnico e societario.

La novità più vistosa è certamente legata alla squadra. Il roster è stato rinnovato quasi in toto, con solo due confermati dalla passata stagione: capitan Renzi e Marco Mollura.
Ben otto uomini nuovi per coach Parente, che dovrà riuscire ad amalgamare il gruppo e a creare unità di intenti, soprattutto in questa prima fase di stagione.

Nel nuovo quintetto granata, in cabina di regia, la stella della squadra, l’USA Rotnei Clarke, play che arriva dalla serie A1, in cui giocava con la maglia di Pesaro. Nella scorsa stagione ha registrato una media di 17.5 punti.
La guardia titolare sarà Federico Miaschi, classe 2000, vera scommessa di coach Parente, che arriva in prestito dalla Reyer Venezia. Lo scorso anno ha giocato in serie B con Padova, viaggiando alla media di 9.5 punti. Il genovese è reduce dall’impegno con la maglia azzurra nell’europeo Under 18, dove si è dimostrato uno dei principali finalizzatori offensivi degli azzurrini.
Lo spot di “3” sarà occupato dall’altro USA, Cameron Ayers, ala provenente dalla Polonia, dove ha giocato nel Turow Zgorzelec. Nella passata stagione ha messo a referto 17.3 punti di media.
Completano il quintetto, l’italo-albanese Rei Pullazi, affrontato da avversario nella passata stagione quando vestiva la maglia di Legnano, con la quale ha registrato 8.7 punti di media.
Infine capitan Andrea Renzi, alla sesta stagione in maglia granata, è una garanzia nel suo ruolo per la categoria.

Dalla panchina granata si alzano il play-guardia Roberto Marulli, probabilmente il sesto uomo nelle gerarchie di coach Parente. Nella scorsa stagione ha vestito la maglia di Roseto, nella quale ha contribuito notevolmente alla salvezza, registrando 9 punti di media.
Fondamentale sarà l’apporto di Marco Mollura, al secondo anno in maglia granata. L’ala piccola trapanese potrà giocare almeno in due ruoli, come già fatto nella scorsa stagione.
I cambi dei lunghi saranno Giorgio Artioli, ala forte toscana, nella passata stagione a Montecatini, dove ha viaggiato a 11 punti di media, e il pivot Curtis Chinonso Nwohuocha, classe ’97, nella scorsa stagione alla Scaligera Verona e nel giro delle nazionali giovanili.
Completa i “dieci” Erik Czumbel, altro classe 2000, playmaker vice campione d’Italia. La scorsa stagione era infatti aggregato alla Dolomiti Energia Trento, società nella quale ha svolto il settore giovanile. È reduce anche lui dall’europeo Under 18.

Saranno parte integrante della squadra anche Christian Abrate, diciottenne proveniente dalla PMS Moncalieri, e Marko Dosen, classe 2001 prodotto del settore giovanile granata. I due avranno l’importante ruolo di tenere alto il ritmo degli allenamenti nella routine settimanale.

Questo il nuovo roster della Pallacanestro Trapani. Ad attendere la squadra granata una stagione impegnativa, date le tante formazioni che hanno investito molto, in vista delle tre promozioni.

Il puzzle è stato completato. Questo è l’inizio di un nuovo ciclo, che va vissuto.