NUOVO SEGRETARIO GENERALE A MEZZADRIA AL COMUNE DI TRAPANI

Una cosa è certa e assodata: al comune di Trapani, anzi a Palazzo D’Ali,
tutte le regole sono saltate. C’e’ un nuovo inquilino sullo scettro più
alto della macchina politico-amministrativa.
Viene dall’avere svolto nel passato tale ruolo in piccoli e medi comuni dove il Sindaco era
onnipotente o quasi, ritiene di poter usare lo stesso metro. Un esempio:
la nomina del nuovo segretario generale. Da mesi, ancora prima delle
elezioni, era noto che il nuovo segretario generale sarebbe stato il
dott. Scalisi, attuale segretario generale al Libero Consorzio,  già
segretario generale a Erice, proprio gestione Tranchida, ma anche
segretario generale per poche settimane a Trapani e anche a Favignana.
Durante la presidenza di Turano, all’allora Provincia regionale, Scalisi
era stato il segretario generale e le chiacchiere dicono che da allora
sarebbe nato un ottimo rapporto con lo stesso, continuato nel tempo.
Anche l’assessora Patti, come è noto è data vicina politicamente all’on.
Turano, il grande vincitore, con Tranchida ovviamente, alle elezioni
amministrative del capoluogo. L’insediamento di Scalisi sembrava dovesse
aversi già dopo pochi giorni dall’insediamento del nuovo sindaco.  Negli
ambienti politici si vociferava anche di uno scambio  con Liotta,
segreterario generale al comune, che sarebbe andato alla Provincia. Poi
il silenzio, sino a oggi.
Improvvisa, arriva la notizia del “licenziamento “ del dott. Liotta che non va al Libero Consorzio.
Scalisi, invece, come da programma è nominato a Trapani e da domani
potrà insediarsi ; ma, e questo è clamoroso, rimane anche segretario
generale al Libero Consorzio (ex Provincia). Motivo? boh! Ufficialmente
si tratterebbe di una questione economica, cioè risparmiare; non ci
credono neanche quelli  che lo dicono.
Ma il problema è un’altro: può il comune di Trapani avere un segretario generale,cioè il capo non solo amministrativo, ma anche organizzativo della dirigenza a  metà servizio?
E per giunta in una situazione di nuova amministrazione con un gruppo
dirigente di cui durante la campagna elettorale l’attuale sindaco diceva
che li avrebbe mandati a “ dirigere il servizio fotocopie”.
Misteri. Forse. Abbiamo detto della motivazione finanziaria, non regge.
Il costo maggiore dello stipendio del segretario Scalisi peserà
maggiormente sul comune  di Trapani che paghera’ il 65% dello stipendio,
il rimanente è a carico del Libero Consorzio. Chi realmente ci guadagna
è insomma quest’ultimo.
Allora le motivazioni vere. Forse vanno cercate a monte, nella politica.
Nel politico che attraverso la macchina burocratica vuole conoscere,
meglio, avere il controllo di quanto avviene nei due più importanti enti
locali della provincia.
Oggi c’è stato consiglio comunale che, tra l’altro, ha approvato
all’unanimita’ l’ammontare del gettone di presenza.. Il ruolo di
Segretario generale, in attesa di Scalisi lo ha svolto il dirigente
dott. Franco Guarano. Liotta, l’ormai ex segretario generale, che a
Trapani è rimasto per circa quattro anni, ha già lasciato la città,
prima però ha voluto mandare il suo messaggio di saluto a tutti i
dipendenti del comune. Un fatto inusuale, ma che i dipendenti hanno
apprezzato. Almeno quello.
Aldo Virzì