TRAPANI: TENTATA RAPINA E FURTO ARRESTATO DAI CARABINIERI 23ENNE TRAPANESE

Il giorno 20 settembre 2018, alle ore 23.50 circa, a Trapani, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Trapani, diretti dal Maresciallo Maggiore Andrea Castaldi, hanno sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria SCIBILIA FRANCESCO, ericino classe 1995, residente a trapani, con precedenti di polizia, in atto sottoposto alla sorveglianza speciale, con divieto di uscire dalle ore 20.00 alle 07.00.

Nel tardo pomeriggio dello stesso giorno giungeva presso la locale Centrale Operativa la richiesta di intervento da parte di personale dell’attività commerciale Saponando, in quanto intorno alle ore 19:00 circa faceva ingresso presso il negozio un uomo travisato da un passamontagna  ed armato di un bastone in ferro, minacciando la titolare e i presenti con l’intento di farsi consegnare il denaro. L’immediato intervento del padre della titolare, faceva desistere il malvivente, che si dava a precipitosa fuga.

Dopo pochi minuti altra segnalazione giungeva da personale della Farmacia Di Via sita in via Marconi i quali denunciavano un uomo che, approfittando di un momento di distrazione della commessa si impossessava di euro 400 presenti all’interno della cassa.

Iniziava così la caccia all’uomo da parte dei Carabinieri del NORM che, visionate le immagini dei sistemi di videosorveglianza della farmacia, riconoscevano subito il malvivente in Scibilia Francesco.

Le ricerche dei militari delle varie pattuglie dislocate nelle zone ove si erano verificati i fatti delittuosi e nei pressi dell’abitazione del ragazzo si protraevano per tutta la sera fino alle ore 23.50 circa quando lo Scibilia  veniva individuato e fermato dai militari operanti in via Marconi.

Si procedeva alla perquisizione domiciliare dove venivano rinvenuti  gli indumenti indossati al momento dei fatti in argomento, il bastone in ferro lungo 45 cm ed il passamontagna ricavato con una calza in nylon.

Il predetto veniva sottoposto a fermo con l’accusa di furto e tentata rapina, al termine delle formalità di rito  tradotto presso la casa circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani, a disposizione dell’A.G. competente.