Brusca frenata del Trapani al “Massimino” di Catania

Più di diecimila spettatori, il pubblico delle grandi occasioni, il colore rossoazzurro da una parte, quello granata dall’altro, allo stadio Angelo Massimino di Catania è andata in scena la Partita: il derby di Sicilia tra Catania e Trapani. È la squadra di mister Sottil ad aggiudicarselo, 3-1 al termine dei 94 minuti. Poteva succedere di tutto e di tutto è successo.

Il Trapani nei primi 45 minuti ha due importanti occasioni per sbloccare il risultato e portarsi avanti, entrambe con Felice Evacuo: il “Massimino” trema al 19’ quando l’attaccante granata tira in scivolata e il pallone finisce di poco fuori dallo specchio dei pali, ma soprattutto al 31’ quando il numero 9 spreca la perfetta occasione da gol, centrando la traversa su calcio di rigore, ipnotizzato da Pisseri. Tanto Trapani in questa prima frazione di gioco, con la squadra di mister Italiano a fare la partita e al tempo stesso a divorarsi occasioni importanti. Da segnalare la sostituzione rossoblu al 31’, quando sul terreno di gioco entra Biagianti al posto di Rizzo, uscito per infortunio.

All’inizio della ripresa un quarto d’ora da incubo per i granata, che in un batter di ciglia incassano tre gol: al 48′ apre le marcature Lodi su calcio di rigore, raddoppia Marotta al 50’, complice un non perfetto intervento di Dini, e ancora Lodi con una doppietta personale realizza il 3-0 al 60′. Un punteggio che punisce troppo la formazione di mister Italiano per quanto fatto vedere nel primo tempo, colpevole forse di non essere riuscita subito a reagire al primo gol rossoazzurro e di essersi disunita nel primo vero momento di difficoltà. Al 69’ Golfo trova il gol della bandiera, in seguito al quale il Trapani ritrova solidità e il gioco di squadra mostrato nel primo tempo, ma siamo già ai titoli di coda.

Una sconfitta che riporta i granata con i piedi per terra e che può rivelarsi “utile” per analizzare le mancanze venute a galla nel sistema di mister Italiano.

Il Catania conquistando la posta in palio sale a quota 10 punti, con 3 partite da recuperare, e si porta a meno sei dal Trapani, al vertice della classifica ferma a 16 punti.

* Foto di proprietà del Trapani Calcio.