I granata ringraziano Corapi: pareggio al 90′ a Reggio Calabria

All’ultimo respiro. Un Trapani tutto cuore e poche idee riesce ad acciuffare una caparbia Reggina al 90’ grazie ad un calcio di rigore trasformato da Corapi. Brutta partita, soprattutto nel primo tempo, con un Trapani sulle gambe e una Reggina che, forte della vittoria netta contro il Matera (i calciatori del Matera non erano scesi in campo e al loro posto hanno giocato molti ’99 e 2000), pressava e chiudeva ogni filtrante dei centrocampisti granata.

Nzola parte esterno a destra del tridente, mentre trova spazio nell’undici titolare Garufo; la Reggina di Cevoli schiera un 3-4-3 con Viola unica punta supportato da Tulissi e Sandomenico. Il Trapani inizia bene e sfiora il vantaggio al 3’ quando un triangolo lungo Evacuo-Tulli-Evacuo non viene finalizzato dallo stesso numero 9 granata; passano pochi minuti e la Reggina passa sfruttando una disattenzione della difesa granata. Retropassaggio sciagurato di Pagliarulo che concede un angolo, dagli sviluppi dello stesso, cross di Sandomenico e incornata vincente di Redolfi, lasciato clamorosamente solo in area dalla difesa del Trapani. Nella prima frazione si gioca un brutto calcio, le due squadre sembrano contratte e la Reggina sfrutta al meglio la difesa a tre imbrigliando Evacuo.

La ripresa vede l’ingresso in campo di Scognamillo per uno spento Mulè (ormai vicino alla Sampdoria, ndr); nel giro di tre minuti Tulli ha due buone chance sul destro, ma le calcia entrambe sul fondo da buona posizione. Al 63’ altra chance per i granata ancora col 23 che, servito da un tacco di Nzola, calcia col mancino e sfiora il palo; il Trapani attacca a testa bassa e non lascia ragionare la Reggina che al 78’ rischia di subire il pareggio con un destro insidioso di Tulli, ma Confente vola e devia in angolo. Quando la Reggina assapora ormai i tre punti ecco l’ingenuità di Solini che tocca con un braccio uno spiovente di Tulli: l’arbitro non ha dubbi e assegna il calcio di rigore. Dopo l’errore della settimana scorsa di Evacuo, dal dischetto si presenta Corapi che spiazza il portiere e sigla l’1-1 definitivo.

Un Trapani apparso sotto tono e sulle gambe riesce ad ottenere il massimo da questa trasferta. I granata vengono agganciati in classifica dal Catania (una gara in meno, ndr), ma chiudono al meglio un 2018 difficile, complicato, ma con un finale davvero entusiasmante.

*foto di proprietà del Trapani Calcio