La Sigel Marsala lotta ma deve cedere in casa contro Cutrofiano.

Una vera battaglia sportiva nell’arena del PalaBellina tra la Sigel Marsala e il Cuore di Mamma Cutrofiano. Ne è uscito un match godibile per spettatori neutrali. Con capovolgimenti di fronte e qualche scambio avvincente. Una partita sentita per le atlete in maglia Sigel che, tra influenze e acciacchi vari, non ci sono arrivate nelle migliori condizioni possibili all’appuntamento. In campo nella festività dell’Epifania due squadre che portavano i pesi, i fardelli e le difficoltà insite che riserva una stagione impegnativa come quella di A2. Alla vigilia del match valevole per il sedicesimo turno e settimo del girone di ritorno, la sfida contro le pugliesi aveva la valenza per le sigelline di prova generale in ottica post-season (leggasi spareggi salvezza). Ma anche quella buona per rialzarsi dai recenti risultati negativi inanellati nell’ultimo mese e mezzo senza soluzione di continuità. Inutile sottolineare quanto fondamentale fosse compiere punti contro una delle formazioni papabili per griglia playout al termine della regular-season.

La Sigel, motivata e propensa a fare bene, gioca alla pari delle avversarie. Ma riuscendoci fino a un certo punto. Il terzo set e quel gioco terminato ai vantaggi per 25-27 ha avuto l’effetto di tagliare le gambe alla Sigel. Una Lutz immarcabile ha spazzato via ogni proposito. Buona condotta nel primo set con le azzurre che approntano bene il match, poi l’inerzia della gara pende dalla parte ospite che nel terzo e penultimo set si rende protagonista di un recupero prodigioso nel punteggio, dimostrando di non possedere patemi d’animo per la quale e così chiudere in quattro giochi. Questa la progressione set: [25/22; 15/25; 25/27; 18/25]. 

Cutrofiano riesce quindi nell’intento di realizzare sei punti contro una diretta concorrente tra andata e ritorno. Che torneranno utili, a meno di eccezionali ribaltoni, da portare giù nella fase successiva, nella cosiddetta “poule salvezza”.

Autentica mattatrice di questo scontro la statunitense Lutz con 24 punti, risultando la top-scorer dell’incontro. Che già nella gara d’andata al PalaCesari si era ben comportata dall’alto dei sedici punti. In doppia cifra Moneta e la centrale friulana Manzano con 12 e 10 punti. Sempre numeri a due cifre per il fuorimano Taborelli (14 punti, 1 muro e due battute punto), seguita a ruota da Salvestrini e capitan Angeloni, rispettivamente con 10 e 11 punti (di cui due su ace). 

Nell’intervista postgara è proprio Vincenti , capitano di Cuore di Mamma Cutrofiano, a esprimere la soddisfazione per questa vittoria che alimenta la possibilità di giocarsi qualche chance per evitare prendere parte ai playout:

Trasferta lunga e difficile quella di Marsala che ci ripaga di tutto. Sapevamo di avere dalla nostra le capacità per uscirne vittoriose. Appreso della sconfitta di Sassuolo possiamo in extremis essere coinvolti nei giochi promozione. Ma prima viene la partita di giorno 20 contro Ravenna, già battuta all’andata

Tabellino

Sigel Marsala Volley-Cuore di Mamma Cutrofiano: 1-3 [25/22; 15/25; 25/27; 18/25]

Sigel Marsala Volley: Avenia 4, Angeloni 11, Gabrieli 8, Taborelli 14, Salvestrini 10, Cosi 9, Vaccaro (L), Luzzi 3, Turla’ 1, Brzezinska. n.e. Ameri. coach: Aiuto; vice: Amadio

Cuore di Mamma Cutrofiano:Lotti 9, Vincenti 7, Lutz 24, Moneta 12, Manzano 10, Saveriano 2, Barbagallo (L), Morone 6, Faraone (L), Negro. n.e. Antignano. coach: Carratu’. vice: Progna

Arbitri: Scarfo’ e Gaetano.