Riceviamo e pubblichiamo la nota del Coordinatore di Konsumer Sicilia Avv. Giancarlo Pocorobba:

Ci è giunta segnalazione, da parte di diversi nostri associati, che il Comune di Custonaci sta inoltrando degli avvisi di accertamento relativi al pagamento dell’IMU dell’anno 2013.
Orbene, al netto delle perplessità legate all’eventuale prescrizione del diritto fatto valere, gli atti suddetti sembrerebbero, nel merito, di dubbia legittimità, in quanto la deliberazione che ha incrementato l’importo dell’aliquota – nello specifico, dal 7,6 per mille prevista per l’anno 2012 al 10,6 per mille – è avvenuta oltre la data del 30 novembre 2013, termine entro il quale la stessa andava fatta in ragione del combinato disposto di cui agli artt. 1, comma 169, della Legge n. 206 del 2006 (c.d. Finanziaria 2007) e dell’art. 8 del D.L. n. 102 del 31 agosto 2013 poi convertito.

Tanto premesso, si comunica che la scrivente Associazione ha inoltrato al Comune di Custonaci apposita istanza, in autotutela, affinché desista dall’esigere il pagamento del conguaglio in eccesso relativo ai suddetti avvisi di accertamento che, nell’ottica di uno spirito conciliativo e di massima equità nella gestione degli affari pubblici, si confida venga accettata.

In difetto, rimane beninteso come a tutela dei cittadini – consumatori della città dei marmi, verrà valutata ogni più ampia azione di legge che tenga conto degli interessi che, con il nostro intervento, si intende far valere.
Per eventuali informazioni e approfondimenti del caso, si invitano tutti coloro interessati dalla problematica, a contattarci inviandoci una email all’indirizzo trapani@konsumer.it, telefonandoci al n. 392.7524981 o, ancora, recandosi il martedì e il giovedì, dalle ore 15:30 alle ore 17:30, nei nostri uffici di via Ugo Bassi n. 23/25 a Trapani.