Ciao Mimmo, Un ricordo del Direttore

Con Mimmo abbiamo diviso una buona parte della nostra gioventù, non solo politica. Il suo ufficio della compagnia di assicurazioni per la quale lavorava , all’inizio di Via Livio Bassi, la sera e nei giorni festivi si trasformava nel “circolo” dei suoi amici “ristretti” ma che erano tanti. Io, giovane scapolo, mi onoravo di essere tra questi. M

a il nostro rapporto era anche politico, venivamo da esperienze diverse, io dal Pci, lui dal PSI sull’orma del padre, “u zu Nicola”, socialista, storico titolare della Cantina Siciliana. Il suo percorso è continuato, sempre a sinistra, fino ad incontrarci nel PCI. Lui Mimmo,  protagonista dell’apertura della sezione “Agostino Novella”.

Ma insieme a Mimmo e a pochi altri compagni, tanti, troppi anni orsono, portammo a Trapani l’ARCI-UISP, in quel periodo staccati solo da un trattino. Mimmo era un vero sportivo, appassionato subacqueo, ma anche calciofilo, atleta etc. per questo il suo principale interesse era nella UISP. Pomeriggi e sera  li passavamo nella sede che avevamo aperto in Via Mazzini; a stento riuscivamo a pagare l’affitto e spesso era Mimmo a mettere la mano in tasca. Storica la partecipazione della folta delegazione trapanese al congresso nazionale di Firenze.

Con l’età le vite di ognuno di noi sono spesso costrette a percorsi diversi. Così anche la mia e quella di Mimmo, non per questo venne meno la stima, non per questo sono venute meno le passioni politiche e umane che ci avevano uniti. Mimmo non c’è più. E’ andato ad un altro percorso. Lo ricordo pubblicando una “nostra” foto di una delle tante manifestazioni sportive organizzate insieme.

 Ciao Mimmo, ti sia lieve la terra!

                                                                                                                      

  Aldo   Virzì