All’I.S. “L. Da Vinci” al via la fase trapanese del progetto “Differenziamoci”

Nell’aula magna dell’istituto superiore “Leonardo da Vinci” ha preso il via oggi la fase trapanese del progetto “Differenziamoci”, nato da una sinergia tra il Ministero dell’Istruzione, il dipartimento regionale dei Rifiuti e delle Acque, con la preziosa collaborazione di diverse associazioni che operano nel settore dell’educazione ambientale. Il progetto è coordinato da Gabriella Barchitta, Referente regionale ENPA, mentre l’incontro odierno è stato coordinato da Anna Maria De Blasi, Ambasciatrice Ambientale insegnante dell’istituto che ha ospitato l’evento e capofila della rete di scuole per il progetto “Differenziamoci”.

L’assessore all’Ambiente del Comune di Trapani, che ha portato i saluti del sindaco Giacomo Tranchida, ha sottolineato gli sforzi dell’amministrazione comunale che nei suoi primi sette mesi di mandato ha impegnato molti dei suoi sforzi per incrementare la percentuale di raccolta differenziata, che nel capoluogo, purtroppo, non ha ma raggiunto risultati significativi.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento di Giovanni Picone, di Energetica Ambiente,  che ha parlato di “scommessa importante in una città che sta reagendo bene. Evidentemente – ha aggiunto – la gente vede che il servizio reso è un servizio serio e comprende quale sia la strada da percorrere. Trapani – ha concluso – supererà i già ottimi risultati ottenuti in realtà importanti come Alcamo e Marsala”.

Pietro Ciulla, del WWF ha sottolineato l’importanza della funzione educativa, soprattutto se supportata dai fatti e dalle buone pratiche del corretto smaltimento dei rifiuti, altrimenti, ogni attività formativa perderebbe efficacia.

Articolato,  il contributo di Domenico Michelon, esperto di vecchia data di rifiuti, che ha posto l’accento sull’importanza della prevenzione. Nella sua approfondita analisi Michelon ha tracciato un quadro completo dell’aspetto normativo legato allo smaltimento dei rifiuti.

Anna Maria De Blasi nel ringraziare i rappresentanti dei Team ambientali, delle 25 scuole presenti alla conferenza, ha ricordato i futuri incontri di formazione con l’auspicio che molte altre scuole possano aderire alla rete “Differenziamoci” ed ha evidenziato che “l’umanità ha cominciato un percorso lungo e complesso anche se,ancora, molta strada si deve fare. Dipende da noi tutti, dalle nostre capacità, dalla nostra consapevolezza, dalla nostra determinazione, muovere passi che ci possano condurre verso uno sviluppo civile, culturale ed economico di tutta la Terra. E indubbio che molto si è fatto, sia a livello locale che internazionale, ma è pur vero che,affinché si possa realizzare uno sviluppo sostenibile, molto di più si deve ancora fare se vogliamo dare alle generazioni un futuro.”

Nei prossimi giorni sarà firmato un protocollo tra Scuola, Comune e Ditta di gestione rifiuti.

MDB