Sogna l’SSD Marsala: battuta la Cittanovese!

Gli azzurri escono vittoriosi da una battaglia di altri tempi disputata su un terreno di gioco acquitrinoso ai limiti della praticabilità: con grinta, cuore, mentalità e una prestazione praticamente perfetta riescono a battere la squadra più in forma del campionato per due reti ad una, con tre esordienti assoluti e tantissimi giovani in campo, che non hanno di certo fatto rimpiangere le pesanti assenze. Il Marsala, complice gli altri risultati, risale al terzo posto solitario con 36 punti. Domenica prossima, 10 febbraio 2019, il Marsala Calcio andrà all’appuntamento con la storia: al “San Nicola” di Bari andrà in scena Bari – Marsala, con gli azzurri che andranno a giocarsi le proprie chance sul campo della corazzata capolista. All’andata, al “Nino Lombardo Angotta”, finì 1-1 con Prezzabile che al 59′ pareggiò lo sfortunato autogol di Benivegna accaduto al 44′.

Mister Vincenzo Giannusa schiera i suoi con il 3-5-2: viste le squalifiche di Candiano e Galfano, l’indisponiblità di Maraucci (febbre), Giardina, Balistreri e Bonfiglio (problemi muscolari), è costretto a re-inventarsi l’undici titolare con capitan Nagib Sekkoum arretrato al centro della difesa in mezzo a Fragapane e Rallo, marsalese classe 2000 appena arrivato dal Trapani e all’esordio assoluto in maglia azzurra. Stesso discorso per l’esterno classe 1999 Napolitano lanciato subito dal primo minuto; mister Domenico Zito risponde a specchio con un 3-5-2 impreziosito in mediana da capitan Antonio Crucitti.

Nel pantano del Lombardo Angotta il primo sparo è azzurro: Napolitano tira-crossa ed il pallone attraversa pericoloso tutto lo specchio della porta al 5′. I padroni di casa passano in vantaggio al 15′: punizione di Lo Nigro, perfetta sponda di testa di Manfrè, Tripoli aggancia e colpisce mettendo a segno il proprio secondo gol con la maglia azzurra. La partita si accende, i giocatori faticano nello “stagno” e il gioco rimane vivace. Al 39′ sono i giallorossi a far vibrare gli animi degli astanti con Giappone che si oppone come può alla conclusione di Trofo, rimanendo poi immobile sul tiro successivo di Napolitano che si spegne a un soffio dal palo.
La prima emozione della ripresa coincide con il raddoppio del Marsala: al 57′ Sekkoum calcia una punizione da posizione molto defilata, il pallone incoccia il palo e torna al centro dell’area di rigore, dove è pronto il capocannoniere azzurro Prezzabile che sigla il facile 2-0, settima rete in campionato (ottava stagionale). I reggini non demordono, ed al 64′ accorciano le distanze: conclusione di Crucitti, Giappone si fa ingannare dal terreno viscido e riesce soltanto a smanacciare sul palo, sul tap-in arriva Napolitano che sigla il 2-1. Al 66′ è ancora la Cittanovese a rendersi pericolosissima con lo stesso Napolitano che in mischia anticipa Giappone ma mette a lato da posizione molto favorevole. L’ultima emozione dell’incontro la regalano ancora i padroni di casa: Ciancimino innesca un contropiede, Corsino calcia centrale. Al triplice fischio, i gladiatori azzurri possono finalmente correre in doccia fra i meritati applausi.