Asd Libertas Alcamo, rabbia e sdegno per la sconfitta di 1.

Una performance dello stesso arbitro, che prima fischia il fallo a Manfrè a 6 secondi dalla fine, quando anche il lettone spinge con il gomito, e poi sorvola sul “fallissimo” dello stesso straniero su Nicosia sotto canestro, potrebbe aver segnato definitivamente la corsa della Libertas alla parte alta del tabellone dei play-off. Una partita bellissima, avvincente, con fughe e rincorse, contro una formazione, quella della Torrenovese, che conferma come gli ultimi rinforzi le avessero dato qualcosa in più. Ne sono dimostrazione, d’altro canto, le sei vittorie nelle ultime sette giornate e i 5 punti, negli ultimi 30 secondi del “PalaTreSanti” firmati, nel momento caldissimo, proprio dall’ultimo arrivato Daro Gullo.

Peccato che i signori Parisi e Moschitto, guarda caso proprio quando Alcamo aveva raggiunto i 10 punti di vantaggio in avvio di terzo periodo, siano caduti in una sorta di stato confusionario che ha dato vita ad un metro arbitrale per nulla casalingo. Oltre alle due ultime indigeste decisioni, anche i falli tecnici fischiati a coach Ferrara e a Piarchak. Il primo per proteste su due tiri di Manfrè sui quali un cestista ospite si aggrappava a retina e cerchio (l’allenatore alcamese chiedeva canestro buono) e il secondo sembra per un battibecco fra Piarchak e Suraci ma la sanzione è arrivata soltanto ai danni del giocatore di casa. Insomma la coppia arbitrale si è rivelata assolutamente inadeguata alla forza delle due squadre, alla loro classifica, alle capacità dei giocatori in campo. La Torrenovese, nell’avere sfatato il tabù Libertas, ha certamente avuto i suoi meriti e ha mostrato cestisti di grandissimo livello, ma la sconfitta di Alcamo porta la firma dei due fischietti, soprattutto quello di Moschitto autore delle due “perle” finali che hanno fatto inviperire il pubblico presente. Con grande signorilità e sportività lo stesso Jorge Silva, coach ospite, a fine gara in un’intervista televisiva ha detto che “se è stato fischiato il fallo su Bricis, bisognava anche fischiare quello su Nicosia”.

Primo periodo ed è subito spettacolo. La Libertas tiene a bada gli avversari e chiude avanti 29 – 21. Nel secondo mini-tempo Sgrò continua a segnare ma a far da contraltare ci sono i canestri di Manfrè e Ciccio Genovese. La Torrenovese si riavvicina e si va al riposo lungo con sei punti fra le due squadre. L’avvio del terzo periodo, spesso tallone d’Achille per gli alcamesi, vede invece la Libertas allungare nuovamente e raggiungere +10. Qui cambia la musica arbitrale con tecnici, anti-sportivi e altre scelte cervellotiche dei due fischietti. A metà del periodo il numero dei falli della squadra di casa era nettamente superiore a quello della Torrenovese. I nebroidei, che già dal secondo periodo avevano messo in campo il febbricitante Gullo (autore poi di un’ottima partita), raggiungono un vantaggio in doppia cifra. A quel punto la Libertas getta il cuore oltre l’ostacolo e cominciano a piovere le “triple”. Negli ultimi tre minuti, dopo quella di Lollo Genovese, ne arrivano tre di fila (due di Tagliareni e una di Dragna). Il drago segna ancora e quindi arriva il vantaggio con Federico Manfrè. Dall’altro lato la bomba di Gullo e quindi il libero di Bricis che fa 1 su 2 dalla linea e riporta Torrenova a + 2, a 20 secondi dalla fine. Splendida penetrazione di Ciccio Genovese ed è ancora parità a 10 secondi dalla sirena. Difesa forte di Alcamo e contatto a centrocampo fra Manfrè e Bricis che allarga il braccio. Moschitto fischia fallo e il bonus regala due liberi agli ospiti. Bricis fa ancora 1 su 2. Palla a Nicosia che si fionda in attacco, supera tutti in palleggio e va in entrata. Fallo di Bricis o comunque contatto molto più netto di quello fischiato pochi secondi prima. Moschitto decide che doveva finire così e regala la vittoria a un’ottima Torrenovese. Le immagini della tv locale presente al “PalaTreSanti” parlano chiaro.

ALCAMO: Farina ne, Genovese L. 6, Nicosia 11, Abbinanti ne, Andrè 8, Piarchak, Vukoja 5, Manfrè 21, Dragna 14, Genovese F. 13, Tagliareni 6, Alfano ne. Coach: Ferrara.

TORRENOVA: Munafò, Sgrò 18, Tonjann 8, Arto, Busco 11, Suraci 10, Munastra 3, Gullo 13, Bricis 22. Coach: Silva