San Vito, Sarà vietato vendere ed utilizzare piatti, bicchieri e posate di plastica non compostabile

4265

Il Comune di San Vito Lo Capo ha ottenuto l’attestato di “Pioniere Plastic Free” essendo tra i primi Enti locali siciliani ad avere intrapreso il percorso che punta ad abolire l’utilizzo della plastica.  A ritirare il riconoscimento, il sindaco Giuseppe Peraino nell’ambito del “2° Ecoforum Regionale sui Rifiuti e l’Economia Circolare”, promosso da Legambiente Sicilia,  svoltosi ai  Cantieri Culturali della Zisa di Palermo. 

Con l’ordinanza “Plastic Free” dal prossimo 1 maggio sarà vietato su tutto il territorio comunale vendere ed utilizzare piatti, bicchieri e posate di plastica non compostabile, nonché di bastoncini per l’igiene auricolare (Cotton Fioc) in materiale plastico non biodegradabile. 

“Da amministratore di un territorio fortemente orientato verso un turismo ecosostenibile- ha sottolineato il sindaco Giuseppe Peraino-,   ho sentito  il dovere etico di salvaguardare ciò che la natura ci ha donato tutelando, allo stesso, la salute pubblica. L’ordinanza, di cui noi sanvitesi andiamo molto fieri, è stata emanata a gennaio, per consentire ai cittadini e agli operatori di avere quel margine di tempo necessario per adeguarsi e per poter partire con una nuova filosofia del riuso dal 1 Maggio”. 

Sempre in tema di salvaguardia dell’ambiente e delle sue risorse, il sindaco Peraino ha incontrato e invitato a venire a San Vito Lo Capo, per parlare di plastiche e dei danni per l’ambiente,  Filippo Solibello, della trasmissione radiofonica Cartepillar di Radio 2 che ha ideato la giornata sul risparmio energetico “Mi illumini di Meno”, a cui il Comune ha aderito quest’anno per la prima volta spegnendo per tre minuti le luci di tutti gli edifici pubblici.