[video] Inaugurata oggi la mostra “ Misteri nell’arte trapanese”

1020

LA MOSTRA
Alla mostra, che si svolgerà dall’11 al 22 aprile 2019 presso il piano terra del palazzo stesso, verranno esposte le miniature dei misteri realizzate da Vito Romano, gli acquerelli della prof.ssa Cammarasana e la statua del Cristo con la Croce realizzata da Pietro Croce.

VITO ROMANO
Vito Romano nasce a Trapani il 16 Marzo 1967. Nel corso degli anni si diletta nella creazione di varie opere approcciandosi a differenti forme d’arte. Il suo estro si palesa nella scultura, nella creazione di presepi sempre più piccoli e nella realizzazione di plastici, la cui precisione e meticolosità sfiorano la perfezione. La sfida dei misteri in miniatura nasce da una profonda fede religiosa e dall’attaccamento alle tradizioni. Sono realizzati con una tecnica polimaterica adoperando DAS, cartapesta, fazzoletti, alluminio, strati di colla, sughero, stoffa e legno.

MARIA GIOVANNA CAMMARASANA
Maria Giovanna Cammarasana nasce il 9 luglio 1950. Già dalla tenera età, dimostra grande dote nel disegno che diventa una presenza costante insieme alla pittura nella vita dell’artista. L’idea di realizzare in acquerello i gruppi statuari dei misteri le é stata suggerita dal marito. Ogni opera é studiata: nella sua struttura interna, nella luce e nell’analisi psicologica dei personaggi.

PIETRO CROCE
Scultore ericino vissuto dal 1826 al 1900, venne incaricato del restauro del gruppo “Ascesa al Calvario” e realizzo la statua del Cristo con la Croce.

DICHIARAZIONE PRESIDENTE AGORÀ DARIO GENTILE
“La realizzazione di questa mostra rappresenta motivo d’orgoglio per la nostra associazione, sempre presente quando si tratta di manifestazioni atte a valorizzare il territorio. La collaborazione con la Soprintendenza di Trapani, che ringraziamo, é stata determinante in quello che può definirsi un bel lavoro di squadra. Le opere esposte meritano ampio risalto ed auspichiamo che trapanesi e turisti presenti in città in occasione della Settimana Santa possano trovare il tempo di visitare l’esposizione aperta presso Palazzo Milo Pappalardo fino al 22 Aprile”.