San Vito, sgrana gli occhi! La Promozione è realtà

Un grande passo verso un futuro di successi. Ieri pomeriggio, il San Vito Lo Capo ha riscritto la sua recentissima storia con la vittoria in finale play off di Prima Categoria con il Fulgatore che gli è valso l’approdo in Promozione. Viene da pensare che la finale dello scorso anno non sia stata una coincidenza al primo anno di attività: mister Giovanni Bonfiglio si sono replicati. A differenza di 365 giorni fa contro il Balestrate, i biancazzurri sono riusciti a cambiare il finale rendendolo lieto fine. 2-0 al Fulgatore che ha comunque dimostrato di starci nella finalissima ma che non è riuscito a scardinare la retroguardia avversaria. Una piacevolissima pagina sportiva quella vista ieri al “Comunale” di Cornino con 1.200 spettatori: bellissimi gli applausi e i cori riservati da delle due tifoserie. Il calcio che piace.

La cronaca

Il San Vito parte con il piede pigiato sull’ acceleratore, scegliendo un atteggiamento aggressivo. Bravo il Fulgatore a saper aspettare che con il passare dei minuti inizia a mettere il naso fuori; tanti i contrasti in mezzo al campo, a testimonianza dell’importanza della gara. Al 7’ il primo ammonito della gara, sanvitese: il giallo all’ indirizzo di Gennaro. Una partita che, per quanto visto nel primo quarto d’ora, non passerà negli annali per la miglior prova dal punto di vista tecnico da parte di entrambe le squadre. Fulgatore che si affida perlopiù alle gittate lunghe in rimessa laterale di Alberto Cirrone e dai palloni da fermo. Il primo brivido arriva dalle parti della porta difesa da Maltese con un tiro a giro di Trapani dai venti metri: il pallone sorvola, non di molto, la traversa. Altra chance per gli uomini di mister Grammatico al 31’ con una punizione di Cirrone che, da posizione defilata, impensierisce Maltese con un mancino che passa sotto la barriera sanvitese: Fulgatore che chiede il gol, ma il pallone era al di qua della linea di porta. Al 37’ bel pallone di Trapani a trovare il mancino di Cannavò che conclude debolmente. Il San Vito si rifà sotto al 40’ con un pallone calciato in mezzo da Mazzara ma il tocco di Orarah è sull’esterno della rete. Occasione per il San Vito al 44’: Mazzara viene trovato in area, non gli riesce il controllo, complice un contatto sospetto. Poi Pellegrino sciupa da buona posizione. Sul finire di prima parte di gioco, ecco l’episodio. Fallo di Agnello con conseguente ammonizione allo stesso numero 11. Sul punto di battuta si presenta Mazzara che batte imparabilmente Giacalone con una botta precisa e potente. Il Fulgatore ha il tempo di rispondere con l’ennesimo pallone da fermo dal lato corto dell’area: calcia Trapani ma Maltese è attento e respinge. Finisce un primo tempo non bellissimo Nessun cambio ad inizio ripresa ma è il Fulgatore ad attaccare. Mister Grammatico nota che è cambiato poco da parte dei suoi ragazzi, allora ecco il cambio Trapani-Stabile per aver più peso nel reparto avanzato e cercare di affidarsi maggiormente a Todaro. I risultati si vedono subito su azione di corner in cui si fa notare Russo in mezzo all’area piccola, poi l’azione svanisce in nulla di fatto. Al 57’ la solita rimessa di Cirrone (che equivale ad un cross) crea grattacapi non indifferenti alla retroguardia biancazzurra: è ancora Russo a provarci da buona posizione ma sciupa. Minuto 61: si gioca ad una porta sola, Cannavò la gira di tacco sul secondo palo dove c’è Stabile che non riesce ad arrivare sul pallone per questioni di centimetri. Anticipato dall’intervento di Maltese. Fulgatore che al 69’ sostituisce Todaro con Di Bono. Un San Vito che bada a restare nella propria trequarti per ripartire in velocità con il Fulgatore con il baricentro altissimo. Mazzara spreca il possibile 2-0 che avrebbe chiuso i giochi a sette dalla fine: destro strozzato a lato. Minaudo su Cannavò decisivo: l’attaccante si sarebbe trovato a tu per tu col portiere. Le cose si mettono male per il Fulgatore al 90′, quando Di Maggio lascia i suoi in 10: secondo giallo per fallo su Mazzara che sfiora la doppietta, ancora su punizione. Lo stesso Mazzara la chiude al 94’ in contropiede su passaggio di uno strepitoso Orarah, bravo a cominciare l’azione. 30 gol in stagione per il sanvitese che certifica la Promozione.

IL TABELLINO

Fulgatore: Giacalone, Cardella, Cirrone A., Russo, Grassotti, Di Maggio, Todaro (Di Bono 69’), Simone (Cosenza 83’) , Cannavò, Trapani (Stabile 52’), Agnello. A disposizione: Cisarò, Fazio, Iovino, Cusumano, Di Bono, Stabile, Cosenza, Rizzo, Campanella. All. Grammatico

Asd Città di San Vito Lo Capo: Maltese, Ranno, Monticciolo, Gennaro, Minaudo, Perricone, Mazzara, Greco (Faranna 66’), Pellegrino (Bonanno 80’), Amico, Orarah. A disposizione: Ruggirello, Faranna, Fiorino, Scalia, Buffa, Lucido, Bonanno. All. Bonfiglio

Arbitro: Michele Giordano di Palermo; assistenti: Roberto Cracchiolo e Roberto Cusimano di Palermo

Reti: Mazzara 45′ e 94′

Note: Ammoniti Gennaro 8’, Agnello 45’, Mazzara 46’, Minaudo 49’, Simone 61’, Ranno 68’, Di Maggio 73’, Grassotti 82’, Ruggirello 94′, Cosenza 97’. Espulsi Di Maggio al 91’, Cosenza 99’, Faranna 99’.

Calci d’angolo: 4-1