Grave fatto di Bullismo, Tifosi del Marsala Calcio minacciano i bambini del Rugby

1772

Un grave atto di bullismo è stato perpetrato da un gruppo di  “tifosi” del Marsala Calcio, nei confronti dei bambini ospiti della Scuola Rugby I Fenici di Marsala.

La società I Fenici di Marsala, raccontato i fatti con una lettera

Siamo a raccontare un fatto davvero increscioso, che sottolinea ancora una volta come alcune fazioni della tifoseria calcistica, non siano in grado di mantenere un comportamento civile, scadendo sempre in atteggiamenti che nulla hanno a che vedere con lo sport.

Venerdì 17 allo Stadio Municipale di Marsala era da poco terminato l’allenamento congiunto di mini rugby ( bambini di età compresa tra i 10 ed i 14 anni) tra la Scuola di minirugby I Fenici di Marsala e la Società di Trapani ASD Rugby Elimi e i bambini si stavano dirigendo negli spogliatoi, contestualmente si stava verificando una riunione non autorizzata di un gruppo di tifosi del Marsala calcio.

Al passaggio dei bambini di Trapani, che vestivano divise bianco/amaranto, gli pseudo “tifosi” li aggrediti verbalmente con offese e minacce, bisogna sottolineare che i “tifosi” fossero tutti adulti.

Pare che a scatenare gli animi di questi “tifosi” sia stato il fatto che i bambini indossassero le divise di colore bianco e amaranto, i colori della città di Trapani.

L’atteggiamento era talmente aggressivo, da costringere l’allenatore e presidente della ASD Scuola Rugby I Fenici Marco Quattrociocchi, al momento rimasto da solo negli spogliatoi con i bambini, a doversi fisicamente frapporre tra gli atterriti ragazzini ed i tifosi, ribadiamo tutti adulti, subendo anch’egli minacce e pesanti offese e temendo seriamente per l’incolumità dei suoi ragazzi e sua.

Momenti di tensione e paura che sono perdurati fino a quando i ragazzini di Trapani non sono riusciti ad uscire celermente e di soppiatto dall’impianto, fortunatamente senza incidenti più gravi.

Il portavoce ufficiale del Marsala Calcio, Mimmo Li Causi, ha manifestato solidarietà e vicinanza alla ASD dei Fenici per il vile gesto, proponendo, un incontro tra i Fenici e l’amministrazione comunale per discutere su come garantire tutela, sicurezza e controllo degli accessi negli impianti sportivi della città a cominciare dalla Stadio Comunale, dove calcio e rugby convivono serenamente da alcuni anni.