Nella giornata di martedì 2 luglio, i Carabinieri della Stazione di San Vito Lo Capo, unitamente al personale della locale Delegazione di Spiaggia della Capitaneria di Porto e della Polizia Municipale, hanno eseguito una seconda tornata di controlli finalizzati al contrasto del fenomeno della vendita di prodotti contraffatti e l’esercizio del commercio ambulante abusivo lungo quel litorale.

Nonostante sia passata meno di una settimana dall’ultima attività eseguita dai militari nella specifica materia, molteplici sono state le irregolarità riscontrate, infatti, 5 ambulanti esercitavano il commercio abusivo ambulante in assenza di autorizzazione amministrativa mentre altri 2 esercitavano l’attività commerciale ambulante in aree interdette, ovvero direttamente sulla spiaggia e non in apposite postazioni fisse così come previsto dalla autorizzazione del Comune.

Per tali irregolarità i militari operanti comminavano sanzioni amministrative per complessivi euro 1.869,76 e procedevano al sequestro di merce tra cui abbigliamento vario, oli per massaggi e materassini gonfiabili per un valore complessivo di circa euro 2.000,00.

Nel corso dell’attività, i militari hanno, altresì, deferito in stato di libertà per Resistenza ed Oltraggio a P.U., un trapanese di 30 anni, con precedenti di polizia poiché lo stesso, controllato mentre esercitava abusivamente la vendita sulla spiaggia di frutta fresca, opponeva resistenza durante le fasi di controllo e successivamente di sequestro della merce deperibile offendendo e minacciando ripetutamente i militari operanti. Altre due donne di nazionalità cinese sono state deferite in stato di libertà poiché colte nell’atto di esercitare abusivamente la professione di massaggiatrice.