Le ragazze dell’ Aquarius Nuoto Trapani ritornano dai play off, svoltisi a Viterbo il 29 e 30 Giugno, con la sola consolazione di aver messo in acqua tutta la loro passione, voglia e sacrifici. Componenti che purtroppo non sono bastate per accedere al Campionato di A2. Sono infatti le squadre femminili dei Castelli Romani e dell’Aquatica Torino ad essere state promosse. Un mini Campionato all’italiana, formato da 4 squadre: Aquarius Trapani, Castelli Romani, Aquatica Torino e il Team Marche. Costata cara l’unica leggerezza mostrata dalle ragazze allenate da Salvatore Giacomazzi il pareggio (6-6) nella prima giornata contro la squadra torinese, dopo essere state in vantaggio per tutta la partita. La seconda e la terza sfida sono state delle sconfitte, (contro Castelli Romani 7- 4 e Team Marche 7-3), che hanno definitivamente distrutto un sogno a cui le atlete trapanesi credevano, forti del loro impegno durante tutto il corso della stagione.
«Grande rammarico per l’occasione persa – dice il tecnico Giacomazzi – forse abbiamo sprecato la prima partita che di fatto si è rilevata importantissima per il proseguo di questi play-off. Sono state promosse Castelli Romani e Aquatica Torino. Onestamente non mi è piaciuto il comportamento poco sportivo della squadra romana che, a promozione acquisita, ha perso l’incontro con l’Aquatica Torino schierando tutte le atlete più piccole, rendendo vana l’ultima partita tra noi e la squadra delle Marche, il cui risultato avrebbe probabilmente promosso una delle due. Le ragazze potevano forse fare di più ma sicuramente meritavano più rispetto», aggiunge il tecnico trapanese.
«In ogni caso per le mie ragazze è stata sicuramente una bella esperienza formativa, sapevamo che non sarebbe stato facile, ma tecnicamente ce la siamo giocati alla pari con tutte le altre squadre». La dirigenza dell’Aquarius fa i complimenti a tutte le proprie pallanuotiste, al tecnico Giacomazzi per il risultato complessivo della stagione sportiva e ringrazia gli sponsor che hanno contribuito alla partecipazione della squadra a questo Campionato Nazionale di Pallanuoto femminile di Serie B e ai playoff finali: Liberty Lines, Nino Castiglione srl, Kia Motors, Agenzia Marittima Morana, il ristorante La Cambusa di Nino Adamo ed il Mi Gusta. Aggiunge il Presidente Sergio Di Bartolo:
«Ritorniamo sconfitti ma non molliamo, ci riproveremo l’anno prossimo anche per far conoscere questo bellissimo sport, adatto anche alle ragazze, alle nuove generazioni».