Nel pomeriggio del decorso 6 agosto, la Polizia di Stato ha dato esecuzione all’Ordinanza di misura cautelare emessa dal GIP di Trapani nei confronti di SANSICA Alberto, classe 1995, e del tunisino RHOUMA Ala, classe 1994, i quali, a seguito di un’incisiva indagine condotta dalla Sezione “Delitti Contro il Patrimonio e la P.A.” della Squadra Mobile di Trapani, sono stati individuati come gli autori di un rapina impropria subita da una giovane trapanese alla fine del maggio scorso.

I poliziotti hanno accertato che, mentre la vittima si trovava sull’autovettura di un’amica, in sosta nella via Ammiraglio Statiti, il RHOUMA Ala si intrufolava nell’abitacolo per sottrarle la borsa; quindi, al fine di vincerne la resistenza, la faceva cadere a terra con un violento spintone, dandosi alla fuga per le vie del centro.

Durante la rapina, il tunisino poteva contare sulla complicità del SANSICA Alberto, che gli faceva da palo a pochi metri di distanza. Invero, la visione degli impianti di videosorveglianza installati lungo il tragitto ha permesso di ricostruire l’intero episodio criminoso, di identificare gli autori del crimine e di documentarne la fuga con la borsa al seguito.

Nei confronti di SANSICA Alberto, che è gravato da innumerevoli precedenti per reati contro il patrimonio, il Giudice ha disposto gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, mentre per RHOUMA Ala – già ristretto presso la casa circondariale di Trapani per altra causa – è stata disposta la custodia cautelare in carcere.