Arrivano da Erice i primi segnali del congresso del Partito Democratico che dopo mesi di commissariamento dovrà eleggersi il nuovo gruppo dirigente, locale e provinciale. In questo caso locale.Chiamati a raccolta i tesserati alla presenza dell’assessore Simonte e dei consiglieri comunali del partito, abbozzato un primo programma di lavoro. Il PD, in sostanza, esce dal torpore nel quale è stato tenuto in questi ultimi tempi.

Dal torpore e dal silenzio escono anche i big, a cominciare dall’on. Gucciardi che, a quanto viene detto nell’ambiente, ha cominciato i suoi giri per i comuni della provincia alla ricerca di “fedeli”. Se si dovesse scommettere verrebbe dato come vincente, ma con una posta molto bassa e non è detto che non possano registrarsi sorprese.

Sarà anche il congresso senza i renziani transitati nel “Viva L’Italia” del senatore di Rignano. Ma quanti e chi sono i renziani trapanesi? Al momento è un mistero, non dovrebbero essere numerosi e comunque se ne saprà di più dopo la “Leopolda” alla quale qualche dirigente si è prenotato. Poi deciderà cosa fare.

Dal torpore, incredibile ma vero, è uscito l’on. Camillo Oddo, ex vicepresidente dell’Assemblea regionale e per lungo tempo il ras del partito trapanese, poi ecclissatosi. Uscito dal suo sotterraneo valdericino per il congresso? Forse, ma non solo. Anzi, si è svegliato soprattutto per solidarizzare con la Sindaca Daniela Toscano. E che solidarietà! Un comunicato stampa lunghissimo e durissimo, inaspettato visto che nel PD non avrebbepiù alcun ruolo primario se non di componente, uno dei tanti, del defunto Comitato Direttivo provinciale.

Andiamo al comunicato; per capirne il senso basta riportare il primo rigo: “ al Comune di Erice sta andando in scena in questi giorni il tentativo da parte di una politica spregiudicata trasversaledi alterare la realtà dei fatti”.

Quali sarebbero questi fatti? forse l’opposizione che fa il suo mestiere presentando una mozione di sfiducia? forse prima l’arresto e adesso la condanna di un vicesindaco che la Sindaca aveva difeso strenuamente giurando sulla sua innocenza e che, come ha fatto intendere lo stesso ex vicesindaco Catalano, successivamente ha abbandonato? forse l’indagine che ha coinvolto la stessa Sindaca e suo fratello consigliere comunale a Trapani e già candidato assessore di Tranchida,anche lui abbandonato?  E ancora, perchètrasversale. C’è forse tra gli oppositori dell’amministrazione comunale qualcuno “amico” che non dovrebbe esserci? Interrogativi sena risposta.

Per Camillo Oddo “ c’è chi pensa di delegittimare la Sindaca Daniela Toscano e l’intera amministrazione”. L’ex deputato si riprende il suo ruolo di leader provinciale, forse regionale e tuona: “ La Sindaca Toscano non è isolata. Il Partito Democratico è convintamente schierato dalla sa parte, ne conosce la sua onestà morale, intellettuale e la sua abnegazione nell’attività di governo”. Verdetto/sentenza chiaro. Ora, aggiunge, “ è il momento di mettere all’angolo questa combriccola di personaggi da bar e da tastiera”. Chi sono? Magari i giornalisti che con la tastiera convivono?

Comunque “fiducia nella magistratura, fa parte del nostro modo di fare politica”. Giù invece “legnate” politiche e morali contro personaggi che si sono auto- delegittimati; niente nomi ma forse  potrebbeessere Manuguerra. “ Non accettiamo lezione da queste persone. La nostra storia è collettiva, ideale. Vera passione politica”, scrive Oddo Camillo che lancia il guanto di sfida ai detrattori della Sindaco, “siamo pronti a sfidarli in ogni sede”. Intanto, a uso avviso la mozione di sfiducia “sfiora il ridicolo, e le notizie di stampa sono strumentali”. Il lunghissimo comunicato non poteva concludersi senza un attacco alla stampa. E l’invito finale: “ la Sindaca Toscano può andare avanti con serenità” ( Renzi docet!).

Chi lo commenta? Ma perbacco, l’altro Oddo, l’altro ex deputato regionale, non di Valderice, ma di Trapani Infatti il socialista Nino Oddo si congratula del comunicato a sostegno di Daniela Toscano: “ hafatto bene e gli fa onore”. Possibile che arrivi a tanto dopo anni di polemiche durissime su Erice, magari per quel posto di Presidente del Consiglio? Forse, ma Nino Oddo non può smentirsi totalmente, e allora eccolo a ricordare che in tutta questa vicenda c’è “l’assordante silenzio del vero leader dello schieramento che governa Trapani e Erice” :Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani. Oddo Nino ricorda la conferenza stampa all’indomani dell’arresto di Angelo Catalano, nella qual preannunciò con precisione millimetrica gli arresti che sarebbero stati predisposti dopo pochi giorni” (Ruggirelllo, e altri). Invece stavolta il silenzio. “ Unsilenzio, quello di Giacomino, conclude, che inquieta e preoccupa”. Già, perché?

Tranchida dal canto suo accompagna il silenzio con la convocazione di una riunione di giunta e consiglieri di maggioranza per un tagliando di questo anno e qualcosa di gestione amministrativa. Dove si svolgerà la riunione se non a Valderice, la sua vera “patria”. Ma non è il sindaco di Trapani ?

                                                                          Aldo Virzì

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com