Orgoglio granata, il pareggio arriva al 96′

Il morso finale. Il gol che può cambiare le sorti della stagione arriva all’ultimo respiro, quando il tabellino ormai segnava 1-2 Empoli. In una settimana non facile per il Trapani, Baldini ha saputo compattare il gruppo e isolarlo dalle vicende societarie che hanno visto l’addio di Rubino e Lorenzo Petroni. Il 2-2 finale rispecchia l’andamento del match a cui il Trapani è rimasto attaccato con le unghia e con i denti e alla fine la tenacia granata è stata ripagata dall’autogol finale di Veseli.

Bucchi schiera il classico 4-3-1-2 con Dezi a cercare di creare scompiglio alle spalle di Taugourdeau; l’inizio match vede un’unica squadra in campo e il piano dell’Empoli sembra funzionare quando all’8’ Frattesi scappa via a Da Silva (schierato terzino sinistro) e serve Bajrami che sigla lo 0-1. Il Trapani cerca le contromisure allo schieramento toscano, ma il 4-3-3 con Colpani esterno a destra non sortisce gli effetti sperati e l’ex Atalanta sembra troppo isolato e fuori dal gioco in un ruolo non suo. Al 23’ il match ritrova l’equilibrio grazie ad una magia di Pettinari che serve Moscati liberissimo in area e trafigge Brignoli. I circa 4000 spettatori del “Provinciale si animano e capiscono che i ragazzi di Baldini non mollano un centimetro in campo a dispetto della differenza qualitativa tra le due squadre. I granata rischiano di ribaltare il match al 27’ quando Nzola si invola per 70 metri, ma trova l’ottima risposta di Brignoli e sul tap-in Moscati spara alto.

Nella ripresa la partita non cambia faccia. Nell’Empoli Dezi non trova gli spazi necessari, ma la formazione toscana continua ad avere la supremazia del gioco e appena due minuti dopo l’ingresso dall’intervallo sfiora il vantaggio ancora con Bajrami su cui è fantastica la risposta di Carnesecchi sulla linea. L’Empoli ha svariate armi e lo si capisce al 62’ quando un bolide di Stulac da 25 metri si spegne alle spalle dell’estremo difensore granata per il nuovo vantaggio empolese; da quel momento in poi il Trapani esce dal campo come svuotato dal secondo gol toscano ma si aggrappa ai miracoli di Carnesecchi su La Gumina per ben due volte e riesce a restare in gara. Al 96’ succede di tutto: punizione di Taugourdeau, sponda di Pettinari verso Scaglia che calcia a botta sicura, Brignoli salva tutto ma nulla può sul tap-in sfortunato di Veseli che congela il risultato sul 2-2.

Primi due risultati utili consecutivi in questa stagione per i granata. Baldini, per la seconda gara di fila, cambia il match con l’ingresso di Scaglia e rimane saldo sulla sua panchina. Il 2-2 fa bene al morale, più per come è venuto che per quello che si è visto…

*foto di proprietà del Trapani Calcio