Le potenzialità del dropshipping

Hai mai sentito parlare di dropshipping? Se hai intenzione di avviare un’attività parallela, che ti consenta di arrotondare e ti offra buone soddisfazioni, potresti sfruttare il dropshipping, una pratica online che somiglia tanto a ciò che fanno gli e-commerce, ma che non ti obbliga a gestire fornitori, merci, scorte e spedizioni. Il dropshipping è un vero e proprio modello di business incentrato sul commercio elettronico, che prevede quale unico investimento iniziale la realizzazione di un sito da impiegare per le vendite. Se questa idea di business online ti incuriosisce clicca qui.

L’importanza del fornitore giusto

Il dropshipping è una soluzione sempre più diffusa tra i venditori interessati a proporre articoli non presenti fisicamente nel proprio store, ma resi disponibili agli eventuali acquirenti tramite appositi accordi: ciò vuol dire che chi possiede uno store online si limita a fare da tramite tra fornitore e consumatore, senza doversi preoccupare di reperire e consegnare il prodotto. Per creare un negozio online capace di riscuotere un discreto successo è necessario focalizzarsi su due diversi aspetti:

  • sviluppare una strategia di marketing valida, che consenta di individuare ed attirare i clienti appartenenti a una determinata nicchia, usando a questo scopo servizi che migliorino il posizionamento del sito, campagne di advertising su Google, Instagram, Facebook
  • cercare un fornitore affidabile, che sia in grado di occuparsi in maniera autonoma di elementi importanti quali la gestione del magazzino, lo stoccaggio della merce, l’inventario dei prodotti disponibili, la spedizione degli ordini, etc

La soluzione a quest’ultima necessità si chiama Oberlo, il sito Web che ti aiuta a gestire con facilità il tuo negozio online. In che modo? Nella maniera più semplice e lineare possibile. Innanzitutto, troverà per te prodotti da vendere ai tuoi clienti. Grazie alla vetrina del sito potrai scoprire milioni di articoli diversi; naturalmente, converrà optare per articoli che possano soddisfare i gusti e le esigenze della nicchia cui ci si vuole rivolgere (abbigliamento per lui o per lei, arredamento, articoli sportivi, cosmetici, tecnologia e molto altro ancora). Grazie all’estensione dedicata (compatibile con Chrome), potrai aggiungere al tuo store tutti i prodotti che vorrai, selezionandoli direttamente da AliExpress. Inoltre, l’estensione automatizzerà ogni processo, compresa l’evasione degli ordini. In questo modo, potrai concentrarti esclusivamente sull’aumento delle vendite. Ovviamente, ad ogni articolo corrisponde un prezzo: sarai chiamato ad assegnare un prezzo che rifletta gli standard del mercato, con la possibilità di modificarlo ogni volta che lo riterrai opportuno. Individuata la tua nicchia di riferimento, dovrai dedicarti al marketing, il vero motore del dropshipping. È impossibile pensare di aver successo nel settore delle vendite online senza sfruttare i benefici del marketing. Ecco di seguito qualche consiglio prezioso!

Il marketing applicato al dropshipping: tutto ciò che devi sapere!

Il primo obiettivo di chi desidera entrare nelle grazie del proprio pubblico è comprendere cosa cercano le persone che ne fanno parte. Come si fa a sapere cosa vogliono i clienti e quali sono le loro esigenze? Scorrendo i post su forum, siti concorrenti e social network. Intercettare i loro bisogni è fondamentale per offrir loro ciò che cercano e al prezzo giusto. Ma qual è il valore assoluto da cui è impossibile prescindere? In una parola sola, i contenuti. Creare contenuti che offrano valore, scorrevoli e coinvolgenti è fondamentale. Essere tra i più informati per quanto riguarda una determinata categoria merceologica contribuirà a costruire la fiducia del pubblico nei confronti del venditore. Ovviamente, contenuto non significa soltanto articoli. Per contenuti si intende anche video, ebook, infografiche e podcast. Inoltre, con i post giusti è possibile aumentare il proprio seguito anche sui vari social media.

Quando qualcuno segue un’azienda o un negozio sui social ciò vuol dire che è a pochi clic di distanza dal portare a termine un acquisto. Ecco perché sarà utile coinvolgere quante più persone possibili, interagire con loro, rispondere alle loro domande e, soprattutto, attirarle sulle proprie pagine. In che modo? Un metodo facile e intuitivo è aggiungere i pulsanti social al proprio sito internet. È altrettanto importante offrire sconti e promozioni a intervalli regolari, oppure ai clienti disposti a lasciare il proprio indirizzo email o ad iscriversi alla newsletter. Uno degli errori più grandi che si possano commettere è dimenticare di ottimizzare il proprio ecommerce per i dispositivi mobili. Negli ultimi anni, la navigazione da cellulare ha superato quella da desktop e non approfittarne sarebbe un gravissimo errore. Nel concreto, ciò vuol dire che tutti i pulsanti debbano essere cliccabili, che i contenuti siano facili da leggere e che lo scorrimento delle pagine risulti agevole. Un modo per verificare se un sito è ottimizzato per i dispositivi mobili? Il Mobile Friendly Test offerto da Google.