Trapani, vigilante ruba scatolette di tonno: Arrestato dai Carabinieri

Nella giornata di mercoledì appena trascorso i Carabinieri della Stazione di Borgo Annunziata hanno tratto in arresto, per il reato di furto, P. V., classe 66, vigilante notturno presso l’attività commerciale di  tonno e prodotti di tonnara  “Nino Castiglione s.r.l.”..

A seguito di una minuziosa attività di indagine condotta dai militari dell’Arma, supportata dalla preziosa visione delle immagini estrapolate dai circuiti di video sorveglianza istallati all’interno dell’azienda, si riusciva a documentare come il P.V., addetto alla vigilanza della struttura, nell’orario di servizio notturno, profittando del fatto di essere solo, accedeva durante i propri giri di controllo all’interno dei capannoni ove erano custoditi i prodotti finiti, capannoni dove poteva comunque accedere per i controlli di routine, e verosimilmente asportava dei quantitativi di tali prodotti. Si notava infatti come il 54enne prendeva la propria autovettura parcata nel parcheggio interno della struttura e con essa si dirigeva sempre presso uno specifico capannone dove erano accantonati i prodotti finiti dell’attività commerciale e,  dopo aver posteggiato fuori la porta d’ingresso, entrava all’interno del capannone e ne usciva poco dopo con il giubbotto rigonfio e con una mano inserita nella tasca dello stesso, quasi a sostenere qualcosa di occultato sulla persona tornando poi al parcheggio interno dove fermava l’auto, scendeva e riprendeva normale servizio. Azione che lo stesso metteva in atto quasi ogni servizio notturno.

Mercoledì mattina alle ore 5, orario di fine turno, i Carabinieri della Compagnia di Trapani fermavano il soggetto subito dopo essere uscito dai cancelli della ditta e dopo averlo sottoposto a perquisizione personale veicolare e domiciliare rinvenivano circa 170 scatolette di tonno di varie grammature e svariate marche asportate all’interno della citata ditta, per cui il prevenuto esplica attività lavorativa.

L’intera refurtiva asportata veniva sottoposta a sequestro.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida avvenuta questa mattina. L’arresto dei Carabinieri è stato convalidato e per l’uomo è scattato l’obbligo di dimora nel comune di Erice.