FRANCESCA TRAPANI INTERROGA TRANCHIDA: CHE FINE HA FATTO IL PARCO URBANO TONNARA TIPA?

Le repliche sempre dure, accompagnate qualche volta da volgarità, del Sindaco di Trapani nei confronti delle consigliere cinque stelle, non hanno fatto demordere la loro volontà di incalzare l’amministrazione comunale. Anche questa volta è la consigliera Francesca Trapani ad intervenire con un comunicato per ricordare all’amministrazione comunale, e a Tranchida in particolare, una delle tante incompiute; ma soprattutto evidenziare quella che definisce una illusione propagandistica di “far apparire straordinario quello che è ordinario”. E cita l’esempio:  ”semplicemente riportando l’illuminazione pubblica in uno degli scorci più belli del nostro panorama”. Per la consigliera si tratta di ordinaria amministrazione.

Non è ordinaria amministrazione, attacca la Francesca Trapani, non mantenere l’annuncio fatto dal Sindaco nell’ottobre del 2018, a pochi mesi dall’insediamento di dare seguito al progetto del Parco Urbano di Punta Tipa, altro stupendo scorcio di territorio della città, annunciando il bando come imminente. Ricordiamo che si tratta di un bando nato durante l’amministrazione del Sindaco Damiano, quello così aspramente contestato in campagna elettorale da Tranchida, redatto da giovani architetti, modificato dopo l’intervento della soprintendenza, che riqualifica tutta la zona attorno alla tonnara Tipa e che era stato inserito in un piano di finanziamento di quattro miliardi.

Si chiede la consigliera Trapani: “che fine ha fatto il parco urbano della tonnara Tipa”? E aggiunge:” anche se non è un progetto di questa amministrazione, qualcuno ha tentato comunque di <metterci una bandierina>, e quindi dovrebbe spiegarci adesso qualche dettaglio che ci sfugge. Basta leggere, infatti, il decreto assessoriale del 19 giugno scorso, con cui si è concluso con esito negativo il procedimento per la valutazione di incidenza ambientale, per capire che il Comune di Trapani, invitato a presentare controdeduzioni al parere negativo, non ha fatto pervenire nulla, tanto che il provvedimento negativo della commissione tecnica è stato confermato. Niente parco urbano, dunque?

Ma c’è di più. Il Comune viene espressamente invitato a provvedere con la massima urgenza alla bonifica dell’area”. 

Questo il quadro generale della denunzia al quale aggiunge un paio  di domande:  “ non sappiamo cosa vuole fare l’amministrazione per superare la procedura del VINCA (Valutazione Incidenza Ambientale), può dirci se e quando ha intenzione di provvedere alla bonifica? E ancora, che fine hanno fatto i finanziamenti per questo progetto”?

La sua conclusione. “A queste e ad altre domande chiederemo una risposta all’Amministrazione Tranchida, che forse preferisce nascondere alcune cose sotto il tappeto sperando che nessuno se ne ricordi e  parlare invece di “rigenerazione urbana” per interventi che invece sono di ordinaria amministrazione. Per sua sfortuna, dei suoi proclami noi abbiamo buona memoria e saremo ben felici di rinfrescargli la sua”.

                                                                     Aldo Virzì