1.Confermare la Ordinanza Sindacale n°67/2020 come modificata con O.S.n°69/2020 emanate in esecuzione al DPCM del 17/05/2020, nonché alla Ordinanza del Presidente della Regione Siciliana n. 21 del 17/05/2020 in costanza della progressiva riapertura delle attività e riportanti le misure da applicare in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica e, in relazione alle osservazioni evidenziate in fase applicativa e ai suggerimenti espressi nelle recenti relazioni del Dirigente III Settore, arch.Vincenza Canale e relazione tecnica n°29/2020 dell’Esperto Epidemiologo di questo Sindaco Dott. Biagio Maria Pedalino, allegate in sub a) e sub b), nonché delle disposizioni in materia di tutela dei lavoratori di cui all’ all. 6 al DPCM 26/04/2020, MODIFICARE ed INTEGRARE limitatamente a quanto evidenziato in grassetto nel corpus della presente

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 3/13

copia informatica per consultazione

Ordinanza confermandone l’efficacia fino al 07/06/2020 e, comunque, fino a cessazione dello stato di emergenza sul territorio nazionale come dichiarato con delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020;

2. Onerare i Dirigenti Responsabili dei vari Settori Comunali, ciascuno per le parti di propria competenza, nonché gli Organi delle Società e degli Enti Partecipati di mantenere e vigilare sull’attuazione delle misure di prevenzione e sicurezza, così come già declinate nella Ordinanza Sindacale n°63/2020 e n° 67/2020 come modificata con OS n°69/20202 nonché con la presente, nel rispetto di quanto indicato nelle relazioni a firma dell’Esperto epidemiologo, e di tutte le disposizioni nazionali e regionali che regolano detta materia, anche avvalendosi del Covid manager già individuato dai vari Dirigenti. Per la rispettiva competenza i soggetti di cui sopra e/o il Datore di lavoro comunale sono tenuti al contestuale e immediato eventuale ulteriore aggiornamento dei documenti protocolli valutazione dei rischi nell’ambito dei rispettivi comparti gestionali e funzionali nonchè dei protocolli condivisi di cui in allegato al DPCM del 17/05/2020, dei protocolli stipulati dal Ministero per la Pubblica Amministrazione nonché delle disposizioni in materia di tutela dei lavoratori di cui all’ all. 6 al DPCM 26/04/2020, specificando:

  • Al Dirigente del III Settore, Arch.Vincenza Canale, già incaricata quale datore di lavoro, viene anche affidato l’incarico di Referente Aziendale per la gestione dell’emergenza COVID19 con onere di provvedere all’approvvigionamento dei DPI necessari a salvaguardare la salute dei lavoratori ;
  • Il Dirigente del VII Settore, Arch.Rosalia Quatrosi è onerata, avvalendosi di propri collaboratori, della predisposizione del “Registro di controllo per la pulizia/sanificazione” di tutti i locali comunali disponendo anche per l’attento controllo e vigilanza. 3. CONFERMARE L’APERTURA DEL CAMPO CONI per consentire “le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI), dal Comitato Italiano Paraolimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali, sono consentite, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse, per gli atleti di discipline sportive individuali” e secondo le modalità organizzative-gestionali possibili, fermo restando quelle e precauzionali per come già declinate nell’ OS n.63/202013, confermate con OS n°67/2020 come modificata con O.S, n°69/2020 e che, a seguire si riportano:
  •   orario di ingresso e fruizione del campo CONI da lunedi al sabato ore 7-13 e 15-20 e la domenica dalle ore 7-12;
  •   l’ingresso al campo CONI deve essere contingentato nel numero di un massimo di 100 persone alla volta e per una durata massima di permanenza di due ore, nel rispetto della fruibilità del campo da parte di tutti gli atleti (professionisti e non professionisti);
  •   sarà utilizzabile soltanto l’ingresso secondario in questo primo periodo di riapertura. L’altro ingresso sarà temporaneamente inibito;
  •   l’ingresso reso disponibile sarà diviso con due transenne mobili per differenziare i flussi di ingresso dai flussi di uscita;
  •   all’ingresso sarà collocato il dispenser di gel/liquido per la disinfezione delle mani;
  •   gli atleti (professionisti o non professionisti) che si recano al campo CONI devono già indossare i dispositivi di protezione naso-bocca (mascherine chirurgiche o di comunità), non sarà consentito l’ingresso ai soggetti che usano mascherine con valvola perché tale mascherina protegge solo chi la indossa, durante l’attività sportiva individuale la mascherina può essere tolta SOLTANTO se a distanza di almeno DUE metri dall’altra persona; prima di togliere la mascherina, gli atleti dovranno lavarsi le mani con gel liquido, poi possono togliere la mascherina e riporla in un apposito sacchetto; alla fine dell’allenamento, gli atleti dovranno: lavarsi le mani con gel e rimettere la mascherina prima di avviarsi all’uscita del campo CONI;
  •   gli operatori del campo CONI saranno preposti al “controllo garbato” del rispetto di questa e delle altre norme e delle distanze specificate;
  •   SARANNO AMMESSI soltanto gli atleti (professionisti o non professionisti) di età superiore ad anni 18. I minori devono essere accompagnati da un atleta di età superiore ad anni 18 (che sarà responsabile del rispetto, da parte del minore, delle norme previste);
  •   sono consentite SOLTANTO attività sportive individuali (lista non esaustiva: corsa, allenamento a corpo libero, etc.);

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 4/13

copia informatica per consultazione

  •   DURANTE LA CORSA, gli atleti devono, di preferenza, correre gli uni accanto agli altri, rispettando comunque i DUE metri di distanza; se si trovano a correre gli uni dietro gli altri, allora devono mantenere una distanza di almeno CINQUE metri;
  •   i flussi di ingresso al, e di uscita dal campo CONI saranno gestiti dalla presenza di due operatori; gli stessi operatori avranno il compito di far rispettare il distanziamento sociale di almeno due metri in entrata ed in uscita;
  •   USO DEI SERVIZI IGIENICI: sarà consentito l’uso dei servizi igienici presenti al di sotto della tribuna; sono presenti dei servizi igienici separati per donne e per uomini; all’interno di ciascuno dei servizi NON sarà consentito l’uso dello spazio “spogliatoio” a tale scopo, e sarà aperto uno solo dei servizi disponibili. Gli operatori del campo CONI provvederanno alla pulizia degli stessi servizi dopo ciascun utilizzo; i lavandini saranno dotati di dispenser con sapone liquido e rotolo di carta per asciugare le mani; il personale del campo deve provvedere alla periodica pulizia dei servizi;
  •   NON SARA’ consentito l’uso di qualunque tipo di palla, pallone, etc. nè alcuna attività ludica o ricreativa 4. CONFERMARE LE APERTURE DELLE AREE MERCATALI: A) MERCATO DEL PESCE DI VIA CRISTOFORO COLOMBO
    Restano ferme tutte le misure organizzative necessarie a prevenire il contagio da COVID19 in capo al Dirigente del III Settore in raccordo con il Comando PM per come declinate nella già richiamata OS n°63/2020 e nella successiva n°67/2020 come modificata dalla 69/2020 e che a seguire si riportano: • Orario di al pubblico: tutti i giorni da lunedi al sabato dalle ore 7,30 alle ore 13,00;
    • gli operatori autorizzati del mercato del pesce avranno accesso alle ore 7,00 dal cancello sito in Via dei Gladioli, e avranno circa 30 minuti di tempo per sistemare la merce; dopo lo scarico, potranno lasciare il mezzo all’interno del recinto del mercato del pesce in zona adiacente allo stesso cancello; • sarà consentita la vendita solo agli operatori autorizzati, e con postazioni assegnate;
    • il numero massimo di collaboratori per operatore autorizzato deve essere fissato in una unità, in aggiunta all’operatore (se l’operatore ha una postazione), e di due collaboratori, in aggiunta all’operatore (se l’operatore ha due postazioni adiacenti);
    • tutti gli operatori e tutti i rispettivi collaboratori dovranno usare una mascherina chirurgica o “di comunità”; non sarà consentito loro l’uso di mascherine con valvola;
    • l’ingresso e lo stazionamento al Mercato del pesce deve essere contingentato nel numero di un massimo di 25 persone alla volta;
    • la durata massima di permanenza all’interno del mercato è subordinata al rispetto degli acquirenti in attesa all’esterno ;
    • l’ingresso al mercato del pesce sito in via Cristoforo Colombo sarà usato per i flussi di entrata e di uscita degli utenti;
    • all’ingresso saranno collocati i dispenser di gel/liquido per la disinfezione delle mani;
    • ai clienti del mercato è imposto l’uso di dispositivi di protezione naso-bocca (mascherine chirurgiche o di “comunità”), non sarà consentito l’uso di mascherine con valvola perché tale mascherina protegge solo chi la indossa; • dal cancello di ingresso saranno posizionate sufficienti transenne onde definire in maniera separata i flussi di entrata da quelli di uscita. All’interno degli spazi di vendita i corridoi saranno a senso unico; • i flussi di ingresso di entrata e di uscita dal Mercato del pesce (momento di potenziale assembramento nell’utilizzo dei luoghi del mercato) saranno gestiti dalla presenza di due operatori, gli stessi operatori avranno il compito di far rispettare il distanziamento sociale di almeno due metri in entrata ed in uscita nonché di organizzare il flusso di entrata in rapporto a quello in uscita, es: se escono due persone, sarà autorizzato l’ingresso a due persone, e così via in modo che il numero massimo di acquirenti presenti contemporaneamente all’interno del mercato del pesce non superi mai il numero di 25 acquirenti; • gli operatori autorizzati alla vendita hanno la responsabilità del controllo e vigilanza sul rispetto della distanza di almeno un metro tra di loro nonchè con gli acquirenti, richiamando, laddove opportuno, al rispetto delle regole;
    • l’ingresso al mercato sarà consentito ad una sola persona per famiglia al fine di consentire l’ingresso anche ad altri acquirenti se in attesa all’esterno e comunque nel rispetto del numero massimo di presenza all’interno di 25 acquirenti ; B) MERCATO DEL CONTADINO DEL LUNGOMARE DANTE ALIGHIERI

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 5/13

copia informatica per consultazione

MODIFICARE, alla luce delle relazioni dettagliate fornite dei due gestori (Feder,Agri e Coldiretti) che riportano elementi sulla sistemazione di vendita, il controllo dei flussi di ingresso e di uscita dei cittadini, e delle recenti relazioni confermative a firma del Dirigente del III Settore arch.Vincenza Canale e relazione tecnica n°29/20 dell’Esperto epidemiologo e di cui in allegato sub a) e sub b), le disposizioni impartite con la richiamata OS n.67/2020 come modificata con OS n.69/2020 per come a seguire:

L’apertura e funzionalità settimanale (sabato) del mercato del contadino, rimane subordinata all’autonoma e responsabile gestione delle Associazioni di categoria, come segue:

1- Zona A (con ingresso via Cappuccinelli), gestita da Feder.Agri-sede provinciale Trapani; 2- Zona B (con ingresso via Cafiero), gestita dalla Coldiretti-Trapani;

  •   entrambigliingressi,chehannounalarghezzasufficienteaconsentirneladivisioneinduemediante l’uso di transenne mobili, debbono garantire la differenziazione dei flussi di entrata e di uscita;
  •   l’ingresso sito sul Lungomare Dante Alighieri rimarrà chiuso. La gestione del Mercato del Contadino, affidata alle Associazioni di Categoria Feder.Agri e Coldiretti, nel rispetto dei piani di organizzazione e sicurezza e dell’elenco dei soggetti assegnatari degli spazi, presentati dalle stesse Associazioni di Categoria, così come valutate nella relazione dell’Epidemiologo n.28/20, dovrà condursi con le ulteriori precauzioni di seguito dettagliate:
  •   l’ingressoalMercatodelContadinodapartedeiproduttorièconsentitoafaroradalle6:00;
  •   l’ingressoalpubblicoalMercatodelContadinoèconsentitodalle7.00alle12.30;
  •   al fine di evitare possibili assembramenti all’interno delle zone del mercato, l’ingresso alle stesse deve essere contingentato e permesso ad un numero massimo di persone come segue:
    1. per il settore A (Feder.Agri): il numero di postazioni di vendita allestite dall’organizzazione è 15; ogni postazione allestita è di una larghezza di almeno 5 metri. Si consente pertanto l’accesso ad un numero massimo di 45 clienti alla volta, corrispondenti a 2 clienti serviti contemporaneamente per postazione, più un cliente in attesa alla stessa postazione, nel rispetto del distanziamento fisico di almeno un metro;
    2. nella zona B (Coldiretti): il numero di postazioni di vendita allestite dall’organizzazione è di 20; ogni postazione allestita è di una larghezza di almeno 3 metri. Si consente pertanto l’accesso ad un numero massimo di 60 clienti alla volta, corrispondenti a 2 clienti serviti contemporaneamente per postazione, più un cliente in attesa alla stessa postazione, nel rispetto del distanziamento fisico di almeno un metro;
  1. 2-  i cittadini che si recano al Mercato del Contadino devono già indossare dispositivi di protezione naso-bocca (mascherine chirurgiche o “di comunità”); non sarà consentito l’uso della mascherina con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa;
  2. 3-  a ciascun ingresso, un operatore della relativa organizzazione si occuperà di regolare i flussi di ingresso e di uscita assicurando il rispetto della distanza di almeno un metro fra le persone quando in fila;
  3. 4-  all’interno delle zone, le organizzazioni:
    a. allestiranno le postazioni di vendita a ferro di cavallo, indicando la direzione del flusso di
    persone;
    b. posizioneranno delle transenne davanti a ciascuna postazione di vendita per impedire ai
    clienti di toccare la merce;
    c. metterà a disposizione un operatore per effettuare un “controllo garbato” del rispetto della
    distanza e dell’uso dei dispositivi di protezione all’interno della zona; d. prevedono la presenza di due operatori per postazione di vendita;
  4. 5-  le due zone di vendita saranno separate da transenne; i clienti che vorranno effettuare degli acquisti in entrambe le zone dovranno completare gli acquisti in una zona, uscire dalla stessa, prima di recarsi nell’altra;
  5. 6-  in ognuna delle zone, l’organizzazione responsabile posizionerà un bagno chimico a sanificazione automatica dopo ogni uso per gli operatori; tali servizi non saranno fruibili dal pubblico.
  6. 7-  Rimane in capo alle Associazioni di Categoria l’obbligo della generale sanificazione delle zone A e B a chiusura delle operazioni mercatali.

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 6/13

copia informatica per consultazione

C) Confermare, allo stato, anche ai sensi dell’art 16 dell’OPRS n°21 del 17/05/2020, l’O.S. n. 63/2020 nella parte in cui dispone la chiusura e la conseguente sospensione delle attività del Mercato Settimanale del Giovedì.

5. VILLE COMUNALI
Confermare l’apertura delle Ville Comunali “Margherita ” e Pepoli” con la possibilità di fruizione delle aree attrezzate per il gioco dei bambini nel rispetto delle indicazioni precauzionali fornite dall’Esperto epidemiologo nelle relazioni a sua firma n.22/2020 e 23/20 ferme tutte le misure organizzative necessarie a prevenire il contagio da COVID19 in capo al Dirigente del III Settore in raccordo con il Comando PM per come già declinate nelle già richiamate OS n°63/2020; n°67/2020 e n°69/2020 e che si integrano limitatamente a quanto riportato in grassetto a seguire:

A)VILLA MARGHERITA

  •   l’orario di apertura di Villa Margherita sarà il seguente tutti i giorni da lunedi a domenica dalle ore 8 alle 13 e dalle ore 16 alle 20;
  •   l’ingresso alla Villa Margherita deve essere contingentato nel numero di un massimo di 100 persone alla volta e per una durata massima di permanenza di due ore, onde consentire l’alternarsi della fruibilità del parco da parte di tutti i cittadini;
  •   sarà utilizzabile soltanto l’ingresso principale sito in viale Regina Margherita. Gli altri ingressi saranno momentaneamente interdetti. Tale ingresso sarà utilizzato per i flussi di entrata e di uscita del pubblico a mezzo di sufficienti transenne onde definire in maniera separata i flussi di entrata da quelli di uscita
  •   all’ingresso sarà collocato il dispenser di gel/liquido per la disinfezione delle mani;
  •   i cittadini che si recano alla Villa Margherita devono già indossare i dispositivi di protezione naso-bocca (mascherine chirurgiche o di comunità), non sarà consentito l’ingresso ai soggetti che usano mascherine con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa;
  •   i cittadini devono mantenere una distanza di almeno un metro da altri cittadini non della stessa famiglia convivente;
  •   All’interno della Villa, la mascherina può essere rimossa laddove è possibile mantenere il distanziamento fisico di due metri da persone di altri gruppi. Deve essere di nuovo indossata prima di uscire dalla villa;
  •   gli operatori della Villa saranno preposti al “controllo garbato” del rispetto di questa distanza;
  •   i flussi di ingresso in entrata e di uscita dalla Villa Margherita (momento di potenziale assembramento) saranno gestiti dalla presenza di due operatori; gli stessi operatori avranno il compito di far rispettare il distanziamento sociale di almeno due metri in entrata ed in uscita;
  •   E’ consentito l’uso dell’area attrezzata per il gioco dei bambini con obbligo di accompagnamento da parte di un genitore e/o altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura. Le aree giochi dovranno essere sanificate, periodicamente, e sicuramente alla fine turno dagli operatori. – NON sarà consentito al pubblico l’uso dei servizi igienici; gli stessi potranno essere utilizzati solo dal personale previa sanificazione e con periodica pulizia;
  •   la fontana presente all’interno della Villa Margherita sarà spenta durante gli orari di apertura ed accesa durante gli orari di chiusura (per garantire comunque il ricambio dell’acqua e la pulizia della vasca);
  •   l’ingresso alla Villa Margherita può essere permesso nel rispetto della distanza interpersonale di un metro, ad eccezione delle persone conviventi della stessa famiglia, dunque a condizione che nella routine di vita condividano già lo stesso tetto. I minori devono essere necessariamente accompagnati da genitori e/o altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura. Possono avere accesso anche persone non completamente autosufficienti ma con accompagnatore. B)VILLA PEPOLI

 

l’orario di apertura della Villa Pepoli sarà il seguente tutti i giorni da lunedi a domenica dalle ore 8:00 alle 13:00 e dalle ore 16:00 alle 20:00;
l’ingresso alla Villa Pepoli deve essere contingentato nel numero di un massimo di 50 persone alla volta e per una durata massima di permanenza di due ore, onde consentire l’alternarsi della fruibilità del parco da parte di tutti i cittadini;

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 7/13

copia informatica per consultazione

  •   Sarà utilizzabili in questo primo periodo di riapertura, soltanto l’ingresso principale sito su via Conte Agostino Pepoli. L’altro ingresso è momentaneamente interdetto. Tale ingresso sarà utilizzato per i flussi di entrata e di uscita del pubblico a mezzo di sufficienti transenne onde definire in maniera separata detti flussi di entrata da quelli di uscita;
  •   all’ingresso sarà collocato il dispenser di gel/liquido per la disinfezione delle mani;  i cittadini che si recano alla Villa Pepoli devono già indossare i dispositivi di protezione naso-bocca (mascherine chirurgiche o di comunità), non sarà consentito l’ingresso ai soggetti che usano mascherine con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa;
  •   i cittadini devono mantenere una distanza di almeno un metro da altri cittadini non della stessa famiglia convivente.
  •   All’interno della Villa, la mascherina può essere rimossa laddove è possibile mantenere il distanziamento fisico di due metri da persone di altri gruppi. Deve essere di nuovo indossata prima di uscire dalla villa.”
  •   gli operatori della Villa saranno preposti al “controllo garbato” del rispetto di questa distanza;
  •   i flussi di ingresso al, e di uscita dalla Villa Pepoli saranno gestiti dalla presenza di due operatori; gli stessi operatori avranno il compito di far rispettare il distanziamento sociale di almeno due metri in entrata ed in uscita;
  •   E’ consentito l’uso dell’area attrezzata per il gioco dei bambini con obbligo di accompagnamento da parte di un genitore e/o altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura.
  •   Le aree giochi dovranno essere sanificate, periodicamente, e sicuramente alla fine turno dagli operatori;
  •   NON sarà consentito al pubblico l’uso dei servizi igienici; gli stessi potranno essere utilizzati solo dal personale previa sanificazione e con periodica pulizia;
  •   la fontana presente all’interno della Villa Pepoli sarà spenta durante gli orari di apertura ed accesa durante gli orari di chiusura (per garantire comunque il ricambio dell’acqua e la pulizia della vasca);
  •   l’ingresso alla Villa Pepoli può essere permesso nel rispetto della distanza interpersonale di un metro, ad eccezione delle persone conviventi della stessa famiglia, dunque a condizione che nella routine di vita condividano già lo stesso tetto. I minori devono essere necessariamente accompagnati da genitori e/o altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura. Possono avere accesso anche persone non completamente autosufficienti ma con accompagnatore.
  •   sarà consentito l’ingresso al Santuario della Madonna di Trapani con uscita sul piazzale di via C.A. Pepoli;
  •   l’accesso al Museo regionale Pepoli in atto rimane interdetto fino alla riapertura dello stesso. 6. TUTELA AMBIENTALE A) Confermare e prorogare fino al 7 Giugno 2020 e, comunque, fino a cessazione dello stato di emergenza sul territorio nazionale come dichiarato con delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, gli effetti dell’O.S. n°63/2020 e disporre, nelle more dell’eventuale collaborazione dell’Esercito Italiano – Caserma Giannettino per la disinfestazione e sanificazione;  alla società Energetikambiente s.r.l. di continuare l’attività di disinfestazione e sanificazione di tutte le strade, marciapiedi, piazze comunali, Cimitero comunale, Ville comunali, Mercato del Pesce, e campo Coni con utilizzo di prodotti chimici a base di sali quaternari d’ammonio e/o ipoclorito di sodio giusto nulla-osta della locale n. 9 di Trapani prot. n. 31339 del 12.03.2020 Rimane sospeso il servizio di pulizia di piazzale Ilio relativo al mercato settimanale del giovedi B) CONFERMARE quanto autorizzato con oS n°67/2020 come modificata con OS n°69/2020 e quindi l’attivazione del servizio dei CCR mobili e l’apertura al pubblico del CCR fisso sito sul Lungomare Dante Alighieri, con onere di disinfezione e sanificazione giornaliera in capo al soggetto gestore Energetikambiente s.r.l che ne detiene l’autonoma e responsabile gestione, anche nel rispetto delle indicazioni precauzionali ulteriormente fornite dall’Esperto epidemiologo nella relazione a sua firma n.18/2020 e che di seguito si riportano:  il CCR fisso di Lungomare Dante Alighieri osserverà i seguenti orari di apertura:
    Lunedì, Martedì e Venerdì: dalle ore 13.00 alle ore 18.30 Mercoledì, Giovedì e Sabato: dalle ore 7.30 alle ore 13.00 -Misure organizzative integrative (autonoma e responsabile gestione Energetikambiente srl):

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 8/13

copia informatica per consultazione

  •   gli utenti entreranno al CCR in auto con presenza di n.1 persona per ciascuna auto;
  •   il numero massimo di auto in entrata allo stato è di 8 autovetture (eventualmente aumentabili da parte del soggetto gestore, in rapporto ai posti auto disponibili nel piazzale ed ai vari check-in fruibili, fermo restando l’assoluto divieto di assembramento) che sosteranno il tempo strettamente necessario alle operazioni di pesa e scarico;
  •   una volta all’interno del piazzale gli utenti indosseranno proprie mascherine (chirurgìche o di “comunità” e non mascherine con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa ) e guanti monouso, atteso che per le operazioni si utilizzano carrelli comuni;
  •   gli utenti, al momento della pesa, si metteranno in fila con distanza almeno di 1 metro l’uno dall’altro e quindi si recheranno al deposito dei rifiuti negli appositi cassoni;
  •   finite le operazioni gli utenti toglieranno i guanti monouso e li depositeranno in appositi contenitori che saranno loro segnalati dagli operatori;
  •   l’ingresso al piazzale avviene dal Lungomare Dante Alighieri e l’uscita dal varco di via della Pace; i flussi di entrata ed uscita saranno regolati da n.1 operatore per ciascun varco;
  •   gli operatori all’interno dell’area del CCR saranno preposti ad una sorveglianza garbata, invitando gli utenti al rispetto delle distanze di sicurezza e fornendo ogni aiuto e supporto richiesti  CCR Mobili osserveranno i seguenti orari di apertura:
    dalle ore 8:00 alle ore 12.00 secondo il calendario in all. 1) Misure organizzative integrative (autonoma e responsabile gestione Energetikambiente srl):
    •   dovranno essere poste transenne mobili ai lati del cassone in modo da delimitare due corridoi di almeno un metro per differenziare un flusso in entrata e uno in uscita ;
    •   gli utenti indosseranno mascherine (chirurgiche o di “comunità” e non mascherine con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa);
    •   gli utenti osserveranno la fila mantenendo almeno un metro di distanza l’uno dall’altro e gli operatori vigileranno sull’osservanza della distanza;
    •   al punto di pesa sarà posto un dispenser con soluzione alcolica/gel e gli operatori, garbatamente inviteranno gli utenti a disinfettare la mani alla fine delle operazioni così come inviteranno gli stessi a mantenere la distanza di un metro durante la fila. Il Comando della Polizia Municipale nella prima fase di riavvio dei suddetti servizi è tenuto ad assicurare idonea attività di monitoraggio. C) Confermare, fino al termine previsto dall’art. 1 dell’Ordinanza del Presidente della Regione Siciliana n. 1/Rif. Del 27/03/2020, gli effetti dell’O.S. n. 49 del 30/03/2020, che “per relationem“ si richiama integralmente, avente ad oggetto “Procedure operative di dettaglio ex art. 2, comma 4 lett. e dell’Ordinanza del Presidente della Regione Siciliana n.1/rif. del 27.03.2020 “Ricorso temporaneo ad una speciale forma di gestione dei rifiuti urbani seguito dell’emergenza epidemiologica da virus covid19 “. 7. CIMITERO COMUNALE
      A) Confermare e prorogare fino al 7 Giugno 2020 e, comunque, fino a cessazione dello stato di emergenza sul territorio nazionale come dichiarato con delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 quanto disposto con OS n°67/2020 come modificata con OS n°69/2020 Per la gestione e fruizione del Cimitero Comunale si devono rispettare le seguenti regole:
      • l’orario di apertura del cimitero è il seguente dalle ore 08:00 alle ore 13:00 dal Lunedì alla Domenica; • l’ingresso al Cimitero avviene in maniera contingentata nel numero di un massimo di 100 persone alla volta e per una durata massima di permanenza di un’ora onde consentire l’alternarsi della fruibilità del Cimitero da parte di tutti i cittadini;
      • entrambi gli ingressi pedonali del Cimitero saranno usati per flussi di entrata e di uscita delle persone; l’ingresso di via della Seppia sarà aperto per gli scopi specifici (es: ingresso salme o accesso di cittadini con permesso di entrare con veicolo proprio); • agli ingressi saranno collocati i dispenser di gel/liquido per la disinfezione delle mani;

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 9/13

copia informatica per consultazione

• i cittadini che si recano al Cimitero Comunale devono già indossare i dispositivi di protezione naso-bocca (mascherine chirurgiche o di “comunità”), non sarà consentito l’ingresso ai soggetti che usano mascherine con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa ;
•i cittadini devono mantenere una distanza di almeno un metro da altri cittadini non della stessa famiglia conviventi; particolare attenzione deve essere posta, dai cittadini, all’uso delle fontanelle sparse all’interno degli spazi del Cimitero, aspettando il proprio turno di approvvigionamento di acqua mantenendo la distanza di almeno un metro;

• i flussi di ingresso in entrata, e di uscita dal Cimitero (momento di potenziale assembramento nell’utilizzo dei luoghi cimiteriali) saranno gestiti dalla presenza di tre operatori, anche volontari, per ciascun ingresso; gli stessi operatori avranno il compito di far rispettare il contingentamento degli accessi, il distanziamento sociale di almeno due metri in entrata ed in uscita, il comportamento e la vigilanza;

• all’interno del Cimitero, gli operatori eserciteranno un “controllo garbato” del rispetto del distanziamento sociale, intervenendo, qualora opportuno, per richiamare chi dovesse trovarsi nelle condizioni di non rispettarlo;
• l’ingresso al Cimitero può essere permesso nel rispetto della distanza interpersonale di un metro, ad eccezione delle persone conviventi della stessa famiglia, dunque a condizione che nella routine di vita condividano già lo stesso tetto;

B) Sono, altresì, concesse all’interno del Cimitero, in sintonia con quanto contemplato dall’art.1, lettera i) del D.P.C.M. 26/04/2020, “le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione dei congiunti fino ad un massimo di 15 persone, con funzioni da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”; sono possibili anche le celebrazioni all’interno della Chiesa del Cimitero a condizione che vengano rispettate le prescrizioni adottate a livello nazionale per quanto attiene i luoghi di culto.

C) Per le operazioni di inumazione, tumulazione di feretri, di sepolture comunque denominate di urne cinerarie e di cassette di ossa esumazioni ed estumulazioni, le stesse saranno effettuate previa delimitazione ed interdizione dell’area in cui si svolgono tali operazioni e con la presenza dei soli congiunti prossimi che rispetteranno le misure precauzionali (distanza di sicurezza e mascherina chirurgica o di “ comunità” e non con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa)

D) Confermare fino al 7 Giugno 2020 e, comunque, fino a cessazione dello stato di emergenza sul territorio nazionale come dichiarato con delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, l’accesso delle salme al cimitero, anche provenienti da altri comuni, che verrà assicurata nei seguenti giorni e orari: dalle ore 10,00 alle ore 16,00 dal lunedì al sabato, esclusi domenica e giorni festivi.

Onerare il Dirigente del 1° Settore Ufficio di Stato Civile e Anagrafe di sospendere l’autorizzazione al trasporto delle salme presso il cimitero comunale in orari diversi da quello superiormente individuato

8.ALTRI SERVIZI

A) Confermare gli effetti dell’O.S. n. 48 del 26/03/2020, che si richiama integralmente, avente ad oggetto “Emergenza coronavirus COVID-19 – Attivazione del Centro Operativo Comunale (C.O.C.) di Protezione Civile” fino a dichiarata cessazione dell’emergenza;

B) Confermare la chiusura delle sedi comunali fino al 7 Giugno 2020 e, alla luce della Direttiva del Ministro per la PA n. 3/2020 “Modalità di svolgimento della prestazione lavorativa nell’evolversi della situazione epidemiologica da parte delle pubbliche amministrazioni” e del DPCM del 17/05/2020 confermare la modalità di lavoro agile o smart working per i dipendenti comunali non destinati ad attività indifferibili ed urgenti già individuati con precedenti ordinanze e che, per quanto in ultimo, disposto con OS n°67/2020 come modificata con OS n°69/2020 risultano essere:

  •   servizi cimiteriali;
  •   servizio di pronto intervento e di assistenza, anche domiciliare, per assicurare la tutela fisica, la confezione, la distribuzione e somministrazione del vitto a persone non autosufficienti;
  •   manutenzione delle reti stradale, idrica e fognaria;
  •   manutenzione degli impianti di depurazione;
  •   ville e giardini per gli aspetti igienico sanitari;

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 10/13

copia informatica per consultazione

  •   polizia municipale;
  •   supporto alle attività necessarie nella attuale fase di emergenza sanitaria;
  •   gestione del personale;
  •   servizio di protezione civile;
  •   raccolta e smaltimento dei rifiuti;
  •   ragioneria;
  •   protocollo;
  •   economato e provveditorato;
  •   sistemi Informatici;
  •   attività necessarie alla effettuazione dei pagamenti;
  •   attività necessarie alla conclusione dei procedimenti dichiarati urgenti;
  •   servizi
  •   servizi
  •   servizi
  •   servizi
  •   servizi
  •   servizi

di vigilanza controllo e custodia degli impianti sportivi (campo CONI); di vigilanza controllo al mercato del contadino e del pesce;
di vigilanza controllo delle Ville Comunali “Margherita” e “Villa Pepoli; di vigilanza presso CCR fisso e mobili;

del Suap;
Urbanistica ed edilizia privata

9. MOBILITA’
Confermare, per la società partecipata ATM il limite dell’accesso sui mezzi di trasporto pubblico urbano ai passeggeri nella misura massima del 40% dei posti omologati e, comunque, garantendo il rispetto della distanza minima di un metro tra gli stessi, la delimitazione dello spazio riservato al conducente del mezzo nonché tutte le misure organizzative per il rispetto dei DPCM e delle Ordinanze del Presidente della Regione Siciliana in materia;

10. DISPOSIZIONI COMPLESSIVE
CONFERMARE fino al 07 Giugno 2020 quanto segue, apportando le integrazioni in neretto segnate :

In ogni luogo pubblico in cui non sia possibile mantenere la distanza di almeno 1 metro tra persone ed, a maggior ragione, in presenze di condizioni climatiche avverse ( es. forte vento, condizione naturale che favorisce lo spostamento delle goccioline di saliva a distanza superiore a mt.1), è fatto obbligo a ciascuno di usare protezioni delle vie respiratorie (mascherine chirurgiche o di “comunità” non con valvola perché tali mascherine proteggono solo chi le indossa ). In ogni caso, permane l’obbligo di cui all’OPRS n.21/2020 di portare con sé la mascherina chirurgica o di “comunità” da indossare alla bisogna in caso di impossibilità a rispettare i limiti di distanziamento sociale di cui sopra. Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.

L’uso delle mascherine si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio quali il distanziamento fisico e l’igiene costante e accurata delle mani;

I Dirigenti Responsabili dei vari Settori Comunali, ciascuno per le parti di propria competenza, sono onerati di vigilare sulla corretta attuazione delle misure di prevenzione e sicurezza, così come specificate nelle relazioni dell’Esperto epidemiologo avvalendosi anche del dipendente incaricato (c.detto Covid manager), per quei Settori che sono stati chiamati ad individuarlo, e ciò per l’esecuzione e il rispetto di tutte le disposizioni nazionali e regionali che regolano la suddetta materia anche alla luce degli aggiornamenti dei documenti-protocollo valutazione dei rischi nell’ambito dei rispettivi comparti gestionali e funzionali nonchè dei protocolli condivisi di cui in allegato al DPCM del 17/05/2020 e dei protocolli stipulati dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e di disporre altresì affinché ciascun sito, aperto alla pubblica fruizione, sia dotato di adeguati contenitori nei quali riporre le mascherine ed i guanti usati;

In applicazione dei protocolli stipulati dal Ministero per la Pubblica Amministrazione nonché delle disposizioni in materia di tutela dei lavoratori di cui all’ all. 6 al DPCM 26/04/2020 :

Ordinanza n. 75 del 28/05/2020 pag. 11/13

copia informatica per consultazione

  • Il Dirigente del III Settore, Arch.Vincenza Canale, già incaricata quale Datore di lavoro, assumerà anche l’incarico di Referente Aziendale per la gestione dell’emergenza COVID19 con onere di provvedere all’approvvigionamento dei DPI necessari a salvaguardare la salute dei lavoratori ;
  • Il Dirigente del VII Settore, Arch.Rosalia Quatrosi è onerata, anche avvalendosi di propri collaboratori, della predisposizione del “Registro di controllo per la pulizia/sanificazione” di tutti i locali comunali disponendo anche per l’attento controllo e vigilanza Il Servizio di Polizia Municipale ed il Settore Territorio e Ambiente potenzieranno i servizi di vigilanza e monitoraggio territoriale e ambientale tanto ai fini della sicurezza sanitaria quanto igienico-sanitaria e ambientale (anche al fine di evitare che i cittadini non depositino i DPI:guanti e mascherine) negli appositi contenitori e nei cestini dislocati nella città, nonché porre argine all’abbandono indiscriminato di rifiuti), anche a mezzo di volontari di Protezione Civile, Ambientali o Socio Sanitari nei termini previsti dalla normativa vigente in materia di rimborsi spese;  la Protezione Civile ed i Volontari di Protezione Civile provvederanno per la gratuita consegna di mascherine ai cittadini sprovvisti onde favorire l’accesso ai luoghi/servizi pubblici, fino alla consegna di mascherine da parte della Protezione Civile regionale, comunque fino ad esaurimento disponibilità correnti; Il servizio di Supporto Sindaco e Giunta si adopererà per sostenere ed integrare, anche in sede locale, la campagna nazionale o regionale di prevenzione socio-sanitaria, attraverso i locali mezzi tv e radio oltre che con altri mezzi idonei a coprire in maniera capillare l’attenzione di tutti i cittadini; Specificare restano ferme altresì tutte le disposizioni e adempimenti già impartite con precedenti Ordinanze e Disposizioni in capo ai Dirigenti e da attivare, di concerto, ove necessario, con la Polizia Municipale e con il Dirigente del III Settore in qualità di Datore di Lavoro, per quanto attiene l’adozione di ogni misura organizzativa necessaria a prevenire il contagio da COVID19 e ad evitare assembramenti.