Mercoledì scorso, a distanza di due anni dalla tragica scomparsa, gli amici di  Gaspare Miceli trentaduenne trapanese,  appuntato dei carabinieri di Rocca Verano in provincia di Asti, hanno voluto ricordarlo con un  memorial di calcio a 5;  una partita giocata tra i suoi più cari amici e compagni di scuola. Un ringraziamento particolare va fatto agli impianti sportivi forese che si sono messi a disposizione per la realizzazione della serata.

Presenti all’evento : la madre, la sorella Martina e suo marito alle quali sono state consegnate le targhette commemorative da parte dei suoi più intimi amici. A loro va ancora una volta le più sentite condoglianze

 Gaspare Miceli amava  il calcio: era il bomber del Bistagno squadra di calcio di 2^ categoria. Un vero atleta tradito da quel mare di cui tanto si fidava.  

Gaspare era disperso in mare dal 28 agosto: intorno alle 16 di quel giorno era entrato in acqua insieme ad un amico per fare snorkeling ma successivamente i due si erano separati quando l’amico era rientrato a riva per un problema alla maschera. Alle 20, non vedendolo rientrare, l’uomo aveva lanciato l’allarme ed erano iniziate le ricerche, condotte da una motovedetta della Capitaneria di Porto, un gommone dei Vigili del Fuoco, due elicotteri attrezzati per il volo notturno ed alcuni sommozzatori.

La salma del giovane carabiniere fu ritrovata in mare, al largo di Noli (Savona) la mattina del 29 agosto 2017.