PD – VILLABUONA:NON BASTA GUARDARE A SINISTRA, SI VINCE ANCHE  CON IL CENTRO

Con l’esplodere della polemica sul Ddl Zan sei stata in prima linea insieme ad altre donne di altre associazioni e movimenti  a difendere la proposta che è in Parlamento

Gli attacchi alle donne che abbiamo denunciato in questi mesi, i commenti razzisti sui social e le frasi sui muri di Marsala e ora le vele, sono frutto di un clima pericoloso che mira ad attaccare i diritti e a portare indietro il paese. L’aggregazione omofoba avventura sabato a Palermo ai danni di una coppia gay dimostra quanto sia necessaria una legge contro l’omofobia, l’elemento più sconcertante è che gli autori di questo gesto vile pare siano dei ragazzini.
La tutela dei diritti non è meno importante del Pnrr di cui tanto si discute in questi mesi, perché un paese che arretra sui diritti non può crescere nemmeno dal punto di vista economico. E quindi l’impegno sul territorio per spiegare di cosa parla il ddl Zan e smontare le fake news è una priorità, perché è necessario approvare questa legge subito, diversamente sarà l’ennesima occasione sprecata dopo 25 anni.

In prima linea anche sul fronte più squisitamente politico, i partiti cominciano a “svegliarsi” dal loro torpore in provincia, forse perché si stanno avvicinando le amministrative?

Le prossime amministrative vedranno andare al voto diverse città, ma è chiaro che l’appuntamento elettorale più importante sarà ad Alcamo.
Io penso che il Partito Democratico debba fare uno sforzo per evitare gli errori fatti a Marsala, dove il Pd si è presentato insieme ai Cento Passi ma non è riuscito a dialogare con i moderati che ha regalato al centro destra.
In Sicilia c’e la possibilità di aprire un ragionamento serio con il mondo moderato, sicuramente lo si può fare ad Alcamo ed è innaturale che alcuni moderati si ostinano a dialogare con la destra, che esprime posizioni su molti temi che sono ben lontane dalla cultura del centro.
Non vedo cosa possa legare parte del mondo moderato con le posizioni della Lega e di altre componenti della destra, che nel linguaggio e nei contenuti rappresenta le idee sovraniste che in Europa sono declinate da personaggi come Orban.
Le prossime amministrative e quelle di Alcamo in particolare, devono rappresentare, a mio parere, un primo passo per riaprire questo dialogo e possibilmente per riproporlo in altre realtà ed anche in chiave regionale, dove molti cominciano a capire che non può bastare un’alleanza con m5s e Cento Passi per battere la destra, ma bisogna guardare ad un progetto più ampio che metta insieme moderati e riformisti per dare risposte ai Siciliani dopo questa esperienza fallimentare.

Parla la Presidente provinciale dell’assemblea del PD, ma anche la rappresentante della corrente riformista del PD. Non mi pare però che nel tuo partito regni l’ unità.

Ad un anno di distanza l’unità che avevamo provato a costruire, con fatica e facendo un passo di lato non c’è e certamente non per colpa nostra.
Sono successe molte cose, alcune che esulano dalla politica, ma ciò non ci deve far perdere di vista l’obiettivo.

Gli avversari sono i sovranisti e dobbiamo concentrarci sulla politica perché le questioni interne non appassionano gli iscritti ed ancora meno gli elettori.
Motivo per il quale bisogna lavorare sui territori, come abbiamo fatto in questi mesi, occupandoci di temi concreti e provando a dare risposte ai cittadini.
Credo che sulle Egadi, ad esempio, grazie anche al contributo dell’On. Miceli si è fatto un lavoro importante, intanto perché troppo spesso le isole minori non sono state nell’agenda della politica e noi le abbiamo portate al centro della nostra, in secondo luogo perché aver trovato una soluzione per il distaccamento dei Vigili del Fuoco, ora si attende che faccia la sua parte la Regione, significa fare la differenza sul territorio.

Credo che questo sia più importante delle Commissioni di Garanzia utilizzate in modo improprio, dell’incapacità di alcuni a riconoscere e rispettare i ruoli e delle ansie elettorali di troppi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: